PopSockets

Udine: per Halloween in libreria la mostra fotografica sui replicanti – 31 ott 2016

14717124_1870131026550540_3111029213211653920_nE’ Halloween anche in Libreria Friuli.Per l’occasione, infatti, si inaugura la mostra fotografica: Il cimitero dei replicanti di JP Zaccomer.

Il progetto nasce dalle emozioni vissute dal fotografo durante l’incontro casuale con i manichini, esposti sulla Pontebbana dietro ad Arteni, riconducibili ad drammatico mix di umanità, artificialità, rovina, dolore e morte. Non a caso il progetto è stato denominato Il cimitero dei replicanti: il luogo dove gli androidi, con i segni delle loro vite spezzate dai cacciatori di taglie umani (ma Deckard è un replicante o no?), ci ricordano le condizioni di fragilità di ogni essere organico presente sul pianeta.
Le foto sono state fatte in un freddo giorno di febbraio dove, all’ora di pranzo, c’era una temperatura di diversi gradi sotto zero e un cielo nuvoloso che trasformava il sole in un minuscolo buco nero visto in negativo. Se dal punto di vista pratico tale situazione impediva il normale funzionamento della reflex, che dopo pochi scatti si bloccava, creava anche una luce siderale priva di vita e capace di veicolare, senza rumori di fondo, le forti emozioni scaturite dall’osservazione di quelle disgraziate creature inorganiche. “È tempo di morire.”

Note a margine
Jean-Pierre Zaccomer, fotografo per passione, è docente di Geografia Economica presso l’Ateneo udinese. Ha esposto fotografie durante diversi eventi udinesi, quali HomePage Festival, Far East Film Festival, Friuli DOC e Palazzo ConTemporaneo, ed è autore di svariate pubblicazioni, molte delle quali legate all’economia del Friuli Venezia Giulia.
L’incontro tra il libro di Dick e il fotografo avvenne durante i suoi studi universitari. Per perfezionare il proprio livello linguistico trascorse un periodo a Ginevra dove acquistò, oltre a testi più consoni ai suoi obiettivi accademici, anche due libri per puro svago: Blade Runner e Alien, le huitième passager di Alan Dean Foster, nelle versioni tascabili J’ai Lu edite da Livrenpoche, entrambi resi famosi dai film di Scott.
Visto che è notizia di questi giorni che, dopo un balletto di anticipazioni e successive smentite sui siti sci-fi, l’uscita del sequel, dal titolo ufficiale di Blade Runner 2049, è prevista per il 6 ottobre 2017, ci è sembrato interessante proporre, all’interno della libreria, una dozzina di scatti che rappresentano una personale interpretazione dell’immaginario letterario proposto da Dick.

facebook
528