Bearzi

Udine: ritrovato a Buia l’iracheno scomparso

irachenoE’ stato ritrovato a Buia la salma dell’iracheno scomparso nei giorni scorsi per il quale le ricerche erano cominciate il 14 agosto e finora non avevano prodotto alcun esito.

E’ stato trovato nel pomeriggio di oggi il corpo, ormai ridotto ad uno scheletro, del cittadino iracheno di etnia curda, Baiz Ebraim Pshadar, di 47 anni, la cui scomparsa era stata denunciata alcuni giorni fa ai Carabinieri di Udine dal cugino, Hama Ali Rasoul, cittadino britannico di etnia curda, di 37 anni. Il corpo – a quanto si è saputo – è stato trovato intorno alle 18 in un fossato, ad un centinaio di metri dalla strada provinciale Artegna-Buia, in provincia di Udine. Polizia e Carabinieri avevano indirizzato le ricerche dell’uomo proprio in quella zona, qualche chilometro più a nord di quella in cui in un primo momento era stato cercato, dopo che alcuni suoi connazionali avevano fornito alla Questura del capoluogo friulano informazioni più precise sul luogo dove si trovava il cadavere. Sul posto sono arrivati il sostituto procuratore del Tribunale di Tolmezzo, Luca Olivotto, e i Vigili del fuoco, che stanno procedendo al recupero del cadavere, sul quale molto probabilmente verrà disposta l’autopsia. Secondo la denuncia che il cugino aveva fatto ai Carabinieri, Baiz era partito illegalmente dall’Iraq con destinazione Gran Bretagna e sarebbe morto mentre era nascosto all’interno di un camion imbarcato in Grecia il 24 luglio scorso ed arrivato al porto di Venezia. L’autista del camion – sempre secondo il racconto fatto da Hama Ali Rasoul ai militari – si sarebbe poi liberato del cadavere mentre percorreva l’autostrada A23 Udine-Tarvisio in direzione dell’Austria. (ANSA)

facebook

Lascia un commento

455