Bearzi

Udine: seconda rata TASI in ribasso; TARI, stanno arrivando i bollettini

udine municipio“La seconda e ultima rata Tasi del 2014 sarà inferiore a quella precedente pagata dai cittadini lo scorso mese di giugno, perché, a luglio, approvando il bilancio, siamo riusciti ad abbassare le aliquote dal 2,5 al 2,2 per mille”.

Così l’assessora comunale al Bilancio, Cinzia Del Torre, chiarisce che quanto gli udinesi dovranno versare con il saldo Tasi sarà meno di quanto pagato con la prima rata del 16 giugno. Senza considerare che “il gettito totale della Tasi, ovvero quanto il Comune incassa dal pagamento del Tributo per i Servizi Indivisibili – prosegue –, è inferiore a quanto l’amministrazione raccoglieva con la vecchia Imu, in vigore nel 2012, per le abitazioni principali. L’imposta complessiva da pagare – precisa ancora l’assessora – può ovviamente differire, ma spesso è inferiore a quanto pagavamo due anni fa con l’Imu. Senza contare che – ribadisce – per il 2014 abbiamo ridotto l’aliquota Tasi dal 2,5 al 2,2 per mille. Ad ogni modo, la Tasi purtroppo non ci consente un’operazione parametrata al reddito – conclude –, perché non è stata pensata così dal legislatore, tranne che per l’esenzione totale dei redditi più bassi, che infatti abbiamo adottato”.

In base ad alcuni raffronti tra la vecchia Imu e l’attuale Tasi, infatti, si rileva che se da un lato un appartamento di fascia media, con rendita di 582,31 euro paga una Tasi di 215 euro rispetto ad una Imu 2012 di 191, dall’altro un appartamento un po’ più grande, con rendita di 750 euro, pagherà una Tasi di 277 euro, rispetto ad una Imu 2012 di 304.

Per quanto riguarda il pagamento della Tasi, il Comune di Udine informa che a partire da ieri, 28 novembre, sono in distribuzione i modelli precompilati F24 per il pagamento. Arriveranno a casa degli udinesi nei prossimi giorni, in tempo utile per il pagamento che scade il 16 dicembre.

“Abbiamo iniziato a spedire a casa dei cittadini tutti i bollettini per il pagamento dell’imposte sulla prima casa – continua ancora Del Torre –. Un servizio che pochi Comuni effettuano, ma che noi abbiamo voluto offrire per agevolare i nostri cittadini. Per quanto riguarda la nostra amministrazione, infatti, abbiamo sempre ritenuto che fosse un servizio essenziale da rendere ai cittadini, evitando loro di dover pagare anche per farsi fare i calcoli da qualche centro. A questo si aggiunge ovviamente lo sforzo per il sostegno al reddito che resta sempre e comunque uno dei nostri principali obiettivi. Basti pensare – conclude Del Torre – al fondo anticrisi straordinario da 500 mila euro che abbiamo appena varato per sostenere le fasce sociali maggiormente messe in difficoltà dalla recessione economica”.

Tra circa 15 giorni, invece, verranno recapitati sempre a casa, al domicilio del contribuente, i moduli per il pagamento della Tari, la tassa sui rifiuti, la cui scadenza è al 30 dicembre.

Gli uffici del Comune sono a disposizione anche per informazioni ed i calcoli della dovuta Imu, che può essere anche calcolata online da casa accedendo all’apposito software direttamente dal sito internet del Comune (www.comune.udine.it).

Per qualsiasi tipo di richiesta di contatto con gli uffici è comunque preferibile scrivere una email all’indirizzo [email protected], senza contare che per tutte le informazioni è possibile consultare il sito del comune di Udine alla voce Tributi Comunali.

facebook
578