Udine: si accede al Parco Moretti anche da Viale Venezia

Una delle ultime testimonianze architettoniche dell’ex birrificio Moretti diventa finalmente un’importante via d’accesso all’omonimo parco. Il Comune di Udine ha completato infatti l’intervento di sistemazione dello storico portale di ingresso da viale Venezia all’area verde cittadina, situato a fianco della questura di Udine. L’accesso, chiuso da quando l’area dell’ex fabbrica Moretti è stata acquisita dall’amministrazione comunale, è stato inaugurato oggi 7 giugno alla presenza del sindaco di Udine Furio Honsell e degli assessori Gianna Malisani e Lorenzo Croattini. “Con quest’opera recuperiamo un pezzo di storia della città – sottolinea il primo cittadino – e aggiungiamo un altro tassello per migliorare la fruibilità di uno dei parchi più frequentati sul territorio comunale. Proprio in quest’ottica gli uffici comunali stanno completando anche le operazioni relative al bando per l’installazione di un chiosco all’interno del parco”.

L’intervento sul nuovo ingresso, che resterà sempre aperto e sarà riservato al transito ciclopedonale, nasce dalla volontà da parte dell’amministrazione di garantire l’accesso al parco da una zona importante della città, connettendo il quartiere attraverso un percorso finora adibito a parcheggio per un lungo periodo e finora inutilizzata. L’area in questione, situata nella parte sud-ovest dell’area verde, oltre il parcheggio esistente, confina, su viale Venezia, con gli edifici della questura, da un lato, e con un complesso residenziale dall’altro. “I residenti chiedevano da tempo l’apertura di questo accesso – spiega Malisani – perché finora per raggiungere il parco da viale Venezia era necessario fare un giro molto lungo. Siamo molto soddisfatti di aver completato quest’opera proprio perché sappiamo che sarà molto utilizzata dai cittadini”.

Il progetto, per il quale il Comune ha investito circa 220 mila euro, ha riguardato diversi interventi. L’arco in pietra, ancora in buone condizioni di conservazione, ha richiesto solamente un’opera di manutenzione straordinaria, con il consolidamento delle parti murarie, la sigillatura di alcuni giunti divaricati e il rifacimento degli intonaci. La muratura è stata inoltre ripulita dai residui di intonaco e riportata a vista mentre le aperture a lunetta sono state recuperate attraverso la sostituzione di tutte le architravi e il ripristino dei davanzali in laterizio. Per ottimizzare l’accessibilità al parco è stata realizzata una nuova pavimentazione in cemento dall’ingresso su viale Venezia e fino al collegamento con il percorso esistente in pietra. Tra gli elementi progettuali più interessanti c’è anche la realizzazione di una pergola metallica formata da montanti ad arco e tiranti, che ha la funzione di mitigare l’impatto visivo del parcheggio adiacente.

Il piazzale di ingresso è stato completato con una nuova sistemazione a verde che ha portato all’inserimento di tre porzioni di prato, tappeti di arbusti bassi e una siepe mista di arbusti alti e tre filari di faggi. Oltre al posizionamento del normale arredo urbano il progetto prevedeva l’adeguamento della pubblica illuminazione, in particolare per la valorizzazione dell’arco monumentale. Sono stati installati pertanto due proiettori destinati a integrare l’illuminazione pubblica esistente nel parcheggio e a illuminare il percorso. A questi punti luce si aggiunge inoltre un proiettore espressamente dedicato all’illuminazione dell’arco in pietra per valorizzare l’elemento architettonico.

Lascia un commento

901