Udine: Teatro Sosta urbana presenta “Squarciapace” – 22 gen 2017

SQUARCIAPACE IN SCENATSU/TEATRO SOSTA URBANA chiude la sessione invernale degli spettacoli nei quartieri udinesi con «Squarciapace», domenica 22 gennaio alle ore 17.30 alla sala Comelli in viale Volontari della Libertà 61 a Udine. Lo spettacolo, nato da un’idea di Caterina Di Fant e Lucia Linda – entrambe parte della squadra di TSU –, a partire da un’indagine sulle paure primordiali dell’uomo, come il buio e il silenzio, affronta le paure legate alla nascita e alla crescita. La regia è di Valentina Rivelli, produzione del Teatro della Sete. Lo spettacolo aprirà Teatrolandia 2017.
«In scena due figure nuotano placide, ognuna nel proprio microcosmo. Finché la corrente si agita, le spinge a spingere, non possono fermarsi… uno strappo, uno squarcio violento: un pianto di terrore e un urlo di stupore, scosse da un mondo nuovo e sconosciuto, fatto d’aria e di luce: nascono», raccontano Lucia Linda e la neomamma per la seconda volta Caterina Di Fant.
La paura le avvicina, le fa incontrare, si abbarbicano l’una all’altra, confondono l’Io e il Tu. Poi si riconoscono, si distinguono, si chiamano: Gilda e Zora. Gli adulti cercheranno di cambiarle, iniziando le due pulcine alle credenze della superstizione e del razzismo, le separeranno. «Ma questo squarcio tra le due è innaturale – sottolineao Di Fant e Linda -. Sono nate per essere amiche, per vivere insieme le emozioni del diventare grandi. Per cui daranno insieme un nuovo significato a quel mistero colorato di nero».
Con «Squarciapace» si conclude la prima parte del cartellone della stagione che TSU ha riassunto nel tema «Fuori Rotta», sei appuntamenti con il teatro con i quali «abbiamo provato a raccontare variabili, contraddizioni, sfumature e anomali del nostro vivere quotidiano», sintetizza Andrea Collavino che ha curato la direzione artistica. Un viaggio compiuto accompagnando gli spettatori con linguaggi diversi, giovani compagnie, artisti italiani e stranieri e che proseguirà a partire da marzo con un nuovo cartellone.
«Il pubblico ha confermato il progetto di TSU, come ha dimostrato il tutto esaurito registrato durante gli spettacoli proposti, alcuni anche in doppio appuntamento nella stessa giornata, e la voglia di confrontarsi con attori, registi e organizzatori al termine dello spettacolo», conclude Collavino.
La rassegna TSU/TEATRO SOSTA URBANA è realizzata dal Teatro delle Sete in collaborazione con il Comune di Udine (Assessorati alla Cultura e al Decentramento), con il sostegno della Regione e della Fondazione Crup.

Il biglietto d’ingresso allo spettacolo è di 3 euro. Al termine, brindisi e incontro con gli attori.

861