Bearzi

Udine: teatro, “Ti ho sposato per allegria” a Gemona, Cividale e Latisana – 4/6 novembre 2014

Ti ho sposato per allegria - scena 3 novembre 2014 – Chiara Francini ed Emanuele Salce saranno i protagonisti di Ti ho sposato per allegria, pièce che aprirà nei prossimi giorni tre stagioni di prosa del circuito ERT. La commedia, scritta negli anni Sessanta da Natalia Ginzburg e diretta in questa edizione da Piero Maccarinelli, sarà martedì 4 novembre al Teatro Sociale di Gemona del Friuli (ore 21), mercoledì 5 novembre al Teatro Adelaide Ristori di Cividale del Friuli (ore 21) e giovedì 6 novembre al Teatro Odeon di Latisana (ore 20.45). Nel cast anche Anita Bartolucci, Giulia Weber e Valentina Virando.

Il teatro di Natalia Ginzburg sfida le regole della buona scrittura drammaturgica e le sconfigge. Ne nasce una forma – con divertenti monologhi fiume –apparentemente impropria e fragile ma in realtà irresistibile. In Ti ho sposato per allegria i riflettori sono puntati su una famiglia al completo, con tanto di suocera, cognata e governante, impegnata in un teatrino delle proprie parti, al centro del quale c’è una ragazzina in pericolo che si è fatta donna e ha deciso che è tempo di sposarsi. L’uomo che la sposerà ha fatto un pensiero simile ma da un’altra prospettiva: la prospettiva adulta.
La ragazza e l’uomo si vedono e poco dopo si sposano. Un matrimonio fatto per allegria. Ma poi il matrimonio si fa famiglia e con essa arrivano le regole, una delle quali è che bisogna essere uguali a tutte le altre famiglie. Nasce il gioco (divertentissimo e insieme triste) della “casa”. E con esso, per uguale allegria, la Ginzburg fa nascere il gioco del suo teatro.

Natalia Ginzburg è una delle più raffinate e a acute scrittrici italiane degli ultimi anni. La sua lingua, secca, essenziale, talora tagliente, con il suo gusto e gioco della ripetizione, risulta una delle più interessanti nel panorama della scrittura teatrale. Il suo tema d’elezione, “la famiglia”, affrontata nei suoi romanzi e nel suo teatro datato anni Sessanta, è, in realtà, atemporale per eccellenza, e non ha bisogno di essere trasportato all’oggi.

Maggiori informazioni al sito www.ertfvg.it e chiamando l’ufficio IAT di Gemona (0432.970520), il Teatro Ristori di Cividale (0432.731353) e il CIT Latisana (0431.59288).

facebook
988