Udine: Tempora Aquileia, si ritorna ai tempi dei romani – 21/23 giugno 2013 – programma

Tre giorni – 21, 22 e 23 giugno –  per rivivere lo spirito delle origini della città di Aquileia grazie allo spettacolo della rievocazione storica: un viaggio nel tempo alla scoperta della storia, della tradizione e della leggenda dell’Aquileia antica.
Immersi nel centro storico e nelle aree archeologiche della città ci si potrà imbattere nella quotidianità di un legionario romano o in quella di un guerriero celta, nei saperi e nei sapori dell’antico mercato, nel giubilo dell’arena gladiatoria, fino a giungere alla piacevole distrazione delle danze e dei suoni che celebrano riti e libagioni.
Due sono i siti che saranno dedicati alle rievocazioni con manifestazioni programmate ad intervalli di alcune ore per dare a tutti modo di vedere e di rivivere quelle pagine epiche: un’area verde accanto al Foro ospiterà l’accampamento romano, l’arena gladiatoria  e il campo di battaglia, mentre nell’area del fondo ‘Cal’ si insedierà il villaggio celta dove si potranno apprendere usi, costumi e abitudini dei guerrieri Galli.
L’ambiziosa iniziativa, che porterà ad Aquileia 600 rievocatori celti e romani, è stata voluta e supportata dalla Fondazione Aquileia che , grazie al coordinamento della confederazione Sulcus, che ha come referente locale l’associazione X Regio di Aquileia, ha coinvolto un network di 20 associazioni di rievocatori storici di tutta Europa.
Aquileia – una delle più grandi città dell’Impero romano, uno dei più importanti antichi porti dell’Adriatico, punto di partenza delle principali strade commerciali, culturali e militari, sede nominale di un episcopato e di un patriarcato – già inserita nel 1998 dall’Unesco  tra i Patrimoni Mondiali dell’Umanità, regalerà a tutti per tre giorni l’emozione di rivivere le atmosfere dei tempi della sua fondazione nel lontano181 a.C.
Tutti gli spettacoli e le rappresentazioni saranno a ingresso libero.

Venerdì 21
[Ore 16.00-18.00 allestimento dei campi storici]
Ore 16.00-18.00 AREA EX LIBRIS
Ex Libris- Presentazione libri
Verranno presentati al pubblico alcuni libri di notevole interesse storico direttamente dagli
autori: Alvaro Gradella, Gioal Canestrelli.
Ore 22.00 AREA FORO – Accampamento Romano
Cerimonia di apertura
Partenza dal campo Celta della sfilata di tutti i rievocatori (Romani, Celti, civili, ecc.),
ciascuno dotato di torcia, per le vie del centro, fino ad arrivare al campo Romano dove
verrà acceso un grande falò dai rappresentanti di tutti gruppi, a seguire festa, balli e
musica.

Sabato 22
[Ore 10.00-12.00 circa-prove della battaglia del sabato sera]
Ore 11.00 AREA FORO – Arena Gladiatoria
Ludi Gladiatori
Da poco giunti sul territorio i Romani importano ad Aquileia uno degli spettacoli più cruenti
e più seguiti del tempo, l’Arena Gladiatoria. In Piazza Patriarcato, i gladiatori si sfideranno
tra il sangue e la sabbia per il giubilo dei coloni Aquileiesi.
Ore 14.00 – 16.00 SALA CONVEGNI
Ex Libris- Presentazione libri
Verranno presentati al pubblico alcuni libri di notevole interesse storico direttamente dagli
autori: Giuseppe Cascarino, Daniele Leoni
Ore 16.00 -18.00 AREA FORO – Accampamento Romano
Didattica Romana
Didattica su usi, costumi ed abitudini degli antichi Romani; armi, armamenti e tattiche di
guerra da parte dei legionari.
Ore 16.00 -18.00 FONDI CAL – Villaggio Celta
Didattica Celta
Didattica su usi, costumi ed abitudini degli antichi Galli; armi, armamenti e tattiche di
guerra da parte dei guerrieri Galli.
Ore 18.15 AREA FORO – Accampamento Romano
Marcia della legione
Marcia dei legionari partendo dal campo romano per le vie del centro con incontro-scontro
con alcuni Galli
Ore 19.00 AREA FORO – Arena Gladiatoria
Ludi Gladiatori
Scortati dai legionari, i gladiatori entrano nell’arena ed iniziano i feroci combattimenti tra il
clangore delle armi, il sudore, il sangue e le grida della folla in delirio.
Ore 21.00 AREA FORO – Vicus Romano
Simposio
E’ il momento del banchetto per i nobili patrizi Romani. Dopo il lusso delle raffinate
pietanze, alcune fanciulle allietano il simposio dei propri signori con danze antiche.Ore 22.30 AREA FORO – Accampamento Romano
Battaglia notturna
I guerrieri Gallici attaccano di sorpresa, con il favore delle tenebre, il “castrum” da poco
eretto dai Romani, con il preciso intento di riappropriarsi delle loro vecchie terre sottratte
dal dominio della Repubblica Romana. Lo scontro è cruento e senza esclusione di colpi,
moltitudini di morti e feriti si contano da entrambe le parti. Il Rix dei Galli propone al Legato
Romano un duello tra campioni, per cessare lo spargimento di sangue e decidere l’esito
dello scontro. La tensione è altissima ed il destino di questa battaglia verrà deciso da due
soli uomini. Il legionario vince tra le urla di gioia dei suoi commilitoni ed il Rix Gallico,
siccome aveva dato la sua parola, ordina il ritiro dei suoi guerrieri.

Domenica 23
[Ore 10.00-11.00 prove della battaglia della domenica]
Ore 11.00 AREA FORO – Arena Gladiatoria
Ludi Gladiatori
Reziari, mirmilloni, traci e secutori, figure divise dal rispettivo anelito di sopravvivenza ed
accomunate nella morte che prima o poi sarebbe giunta. Aver salva la vita dando in
cambio la morte. Solo dopo dieci vittorie, appuntate sul collare, il gladiatore poteva godere
del privilegio della libertà. Ma in genere la sua breve vita veniva rimpiazzata da quella di
un altro morituro che, per educare il popolo, attraverso una catarsi emozionale perpetrava
un ciclo cruento che molta sinistra fama ha donato alla Roma più universalmente
riconosciuta.
Ore 12.00 AREA FORO – Vicus Romano
Simposio
Nonostante la tensione nell’aria ed il sentore di un’imminente battaglia, il popolo romano si
concede lo spettacolo delle danzatrici che allietano il banchetto.
Ore 14.00 AREA FORO – Vicus Romano
Tratta degli schiavi
Avidi commercianti, scortati da guardie armate, portano al mercato alcuni schiavi
incatenati da vendere. Durante la compravendita uno schiavo tenterà la fuga, costringendo
le guardie ad inseguirlo (ricerca dello schiavo tra le vie ed i nascondigli del centro storico
con la complicità di turisti e passanti).
Ore 15.00 AREA FORO – Campo di Battaglia
Torneo di Harpastum
Per mantenere in forma le proprie truppe l’esercito organizza un torneo di harpastum, uno
sport che potrebbe ricordare il moderno rugby, ma caratterizzato dall’assenza quasi totale
di regole e la licenza di fermare l’avversario in ogni modo. Anche le popolazioni celtiche
vengono chiamate in causa, provocando i primi scontri fisici con la popolazione nemica. Ore 16.00 AREA FORO – Accampamento Romano
Rito del Sulcus Primigenius
Per ribadire il potere di Roma su queste terre, il Senato conferisce il mandato ai consoli di
scavare il Solco Primigenio della futura città di Aquileia. Il momento solenne rinfranca gli
animi dei Romani e accresce a dismisura il “Furor Gallicus” nel cuore dei guerrieri Celti. Lo
scontro tra Celti e Romani è inevitabile.
Ore 17.30 AREA FORO – Accampamento Romano
La battaglia finale
I feroci guerrieri Galli, attaccano nuovamente le difese romane ancor più furiosi e
numerosi, con il preciso scopo di riprendersi le proprie terre liberandole dal giogo romano,
ma trovano ad attenderli fieri legionari pronti a dar loro la morte. Lo scontro si fa brutale e
sanguinoso, gli uomini cadono numerosissimi da entrambi gli schieramenti, finchè il
Legato Romano non decide di porre fine a questa follia, proponendo al Rix dei Celti la
pace e la restituzione dei prigionieri a patto che i Galli si ritirno dalle terre di Aquileia.
[a seguire smontaggio del Accampamento Romano e Villaggio Celta]
Ore 20.30 AREA FORO – Arena Gladiatoria
Ludi Gladiatori
A concludere la manifestazione in grandezza, seguiranno i scruenti combattimenti dei
gladiatori.
Area Foro: Accampamento Romano, Vicus Romano, Didattica Romana, Arena
Gladiatoria e Campo di Battaglia
Fondi CAL: Villaggio Celta, Didattica Celta

Lascia un commento

627