Bearzi

Udine3D Forum. Dal 9 al 12 novembre 2017

FullSizeRender (2)
Nel panorama delle tecnologie digitali da sette anni a questa parte il Friuli si è ritagliato un ruolo di tutto rispetto anche grazie al contributo di Udine3D Forum, la quattro giorni organizzata da Confartigianato insieme a Segnoprogetto.

Un’occasione per mettere il naso nelle ultime novità offerte dal mercato dell’ICT e per misurarsi con alcuni guru del mondo informatico/digitale nel corso di workshop, convegni e masterclass. Vi potranno partecipare (previa iscrizione) dalle imprese artigiane ai professionisti passando per i semplici tech-addicted. A Udine, tra Palazzo di Toppo Wassermann e il FaberLab, si incroceranno esperti di settore, tecnici, professionisti e imprenditori, ma anche voci del mondo accademico ed editoriale che interverranno in convegni e workshop di alto livello. All’insegna della massima concretezza.

“L’obiettivo di Udine3D Forum – spiega il presidente di Confartigianato-Imprese Udine, Graziano Tilatti – è quello di analizzare le possibili applicazioni di queste nuove tecnologie al business, con particolare attenzione ai settori dell’architettura e del design, dell’ingegneria e della prototipazione e ancora della grafica e dell’animazione”. Il programma completo conta oltre 60 appuntamenti (alcuni gratuiti ed altri a pagamento) nel corso dei quattro giorni e si può consultare, nella sua interezza, sul sito dedicato all’evento (www.udine3d.it).

L’argomento principe di riflessione dei due convegni (in programma per il 9 e 10 novembre) è di stringente attualità: il rapporto tra uomo e tecnologia. Il titolo, “Human inside”, per Edgarda Fiorini, vicepresidente vicaria dell’associazione con delega all’ICT, è nodale rispetto al rapporto che instaureranno le piccole imprese con le nuove tecnologie, “guardate spesso più con sospetto che con apertura, per il timore che possano essere l’anticamera alla cancellazione da un lato di posti di lavoro, dall’altro di quel tratto tutto umano e inimitabile che è custodito dall’artigianato.

Nei due convegni – fa sapere Fiorini – cercheremo quindi di approfondire il delicato tema e capire cosa si devono aspettare le nostre imprese dalla sfida di “Industria 4.0” mutuata dall’artigianato”. Tornando al ricco programma di appuntamenti segnaliamo quelli con il noto “retoucher” e istruttore di Photoshop Martin Benes (venerdì 10 alle 14), con Andrea Martini di Robot Factory sulla stampa 3D (sempre venerdì, alle 16.30), con Riccardo Gatti (Rhino Trainer) per la modellazione con le superfici (sabato 11, alle 9), con Guido Vrola per una carrellata sui software utili a designer e architetti (sabato 11 alle 16.30) e con Marco Mazzaglia per un tuffo nei videogiochi (sabato 11 alle 11.30). E a proposito di videogames, spazio ai bambini. Quest’anno a Udine3D ce ne sarà ancor più del solito. Sono infatti ben 20 i laboratori dedicati ai più piccoli. Spazi pensati per bambini dagli 8 ai 13 anni che vi potranno partecipare sia con le rispettive classi (durante l’orario scolastico) che assieme ai familiari (nel weekend). Un’occasione unica per cimentarsi lì dove la scuola dell’obbligo (ancora) non arriva: dai fondamenti della robotica alla stampa in 3D.

facebook
1.445