Bearzi

Udinejazz: a Cervignano Fasoli in concerto – 20 giugno 2012 – ingresso gratuito

CERVIGNANO DEL FRIULI – S’intitola Avenir ed è il progetto sonoro con cui il grande sassofonista Claudio Fasoli, ex Perigeo, inaugurerà la sezione itinerante di Udin&Jazz 2012 assieme al suo quartetto. Un nome storico, dunque, per il festival internazionale firmato (come sempre) da Euritmica: appuntamento mercoledì 20 giugno alle 21.30, a Cervignano (Ud), in Piazza Indipendenza. Ingresso libero.
Accanto a sé, lungo questa nuova strada, Fasoli ha voluto tre ottimi compagni di viaggio: Lorenzo Calgaro (contrabbasso), Michele Calgaro (chitarra elettrica), Gianni Bertoncini (batteria). Ed ecco, appunto, Avenir, un lavoro elegante, per molti versi inatteso, aperto nei ritmi, sfumato nei colori, dilatato nelle ambientazioni. Originali paesaggi capaci di spaziare dagli echi balcanici alle suggestioni nordiche, sfiorando anche lucentezze mediterranee, e di sorprendere gli ascoltatori/spettatori con l’uso sapiente delle tessiture elettroniche.
Nato a Venezia, ma milanese d’adozione, Fasoli ha conquistato la notorietà entrando a far parte dei Perigeo, negli anni 70, assieme a Franco D’Andrea e Giovanni Tommaso. Il gruppo, autentico laboratorio del jazz-rock italiano, ha realizzato molti dischi per la RCA, che tuttora sono assai ricercati dai collezionisti, oltreché un numero infinito di performance dal vivo. Nel 1978, dopo lo scioglimento, Fasoli ha iniziato a dedicarsi come leader alla messa a punto di progetti con piccoli gruppi in un ambito più propriamente jazzistico e acustico, soprattutto trii e quartetti.
Ha avuto così modo di definire quella che sarebbe successivamente diventata la sua cifra compositiva più riconoscibile, vale a dire quella legata alla modalità complessa. Con questi organici ha presentato la propria musica in innumerevoli concerti e festival, lasciando nutrita e apprezzata documentazione discografica. Dagli anni 80, poi, ha iniziato a collaborare sempre più assiduamente con musicisti della scena internazionale, da Lee Konitz a Dave Holland, senza ovviamente dimenticare la sua partecipazione alla prima edizione della Grande Orchestra Nazionale e al Quintetto di Giorgio Gaslini.
È, inoltre, responsabile dei corsi di sax tenore e soprano e di Tecniche dell’improvvisazione ai Seminari internazionali di Jazz a Siena, sin dalla fondazione (1978), e ha fondato i corsi di sax alla Civica Scuola di Musica Jazz di Milano. Ha anche condotto corsi di musica jazz in vari Conservatori statali, negli anni 90, oltre a seminari in tutta Italia e all’estero (Europa e USA).
Dopo il live del Claudio Fasoli Four, la sezione itinerante di Udin&Jazz 2012 proseguirà a San Giorgio di Nogaro e Palmanova, rispettivamente con i progetti di Matteo Sacilotto (21 giugno) e Graziella Vendramin (22 giugno). A Udine si approderà, poi, la settimana successiva, onorando tutte le linee espressive della contemporaneità: dalle geometrie vocali di Nina Zilli (30 giugno), che trasforma il vintage in lingua del futuro, al freestyle metropolitano di Marracash (10 luglio) che, nel suo afflato libertario e allergico alle regole, incarna perfettamente l’essenza del jazz.

 

facebook

Lascia un commento

393