udinese_lecce-32
14 novembre 2010 – Aveva predicato cinismo e concentrazione e il risultato è un 4 a 0 rotondo che non ammette repliche. Mister Guidolin sarà soddisfatto della sua Udinese, che dopo essere inciampata a Catania, si rialza in piedi e lo fa col suo capitano, un Totò di Natale straripante. Da paura, invece, il ruolino di marcia del Lecce in trasferta, condannato da numeri imbarazzanti: zero vittorie, un pareggino, sei sconfitte e ben 19 reti incassate lontano da Via del Mare. Lecce che conferma il trend negativo in trasferta, subendo 4 reti dall’Udinese in una partita che non è mai stata in discussione. Troppo fragili dietro e troppo poco cattivi davanti, i giallorossi rimediano una sonora batosta che nulla ha a che fare con la prestazione infrasettimanale contro l’Inter. L’Udinese è in palla e si vede, con un Antonio Di Natale che si riscopre goleador mettendo a segno una tripletta anche grazie all’ispirazione di Sanchez, che fornisce ottimi assist.

Udinese-Lecce 4-0 (3-0)
Reti: nel pt 10?, 24? e 40? Di Natale; st 11? Floro Flores
Udinese (3-4-1-2) Handanovic 7; Benatia 6, Coda 6.5, Domizzi 6.5 (24? st Angella 6.5); Isla 6.5, Inler 7, Asamoah 6.5, Armero 7; Sanchez 7; Di Natale 9 (41? st Badu sv), Floro Flores (34? st Abdi sv). (6 Belardi, 4 Cuadrado, 16 Denis, 9 Corradi). All: Guidolin 7
Lecce (4-3-3): Rosati 6; Rispoli 4.5, Gustavo 5, Giuliatto 5, Brivio 5 (29? pt Piatti 5); Mesbah 5, Giacomazzi 5 (1? st Munari 5,5), Vives 5; Olivera 5.5 (28? st Donati sv), Di Michele 5, Jeda 5.5. (81 Benassi, 5 Sini, 32 Coppola, 15 Oefere). All: De Canio 5
Arbitro: Mazzoleni di Bergamo 5.
Note.Angoli: 6-6. Recupero 1? e 3?. Ammoniti: Olivera per gioco falloso. Spettatori: 13.500







































1.160