Bearzi

Udinese: 4-1 al Monfalcone, il borsino e il video dei GOL

Udinese da brivido nell’amichevole con l’UFM, squadra neopromossa in Serie D. La squadra bianconera, guidata dal vice Viviani schiera le cosiddette seconde linee per mettere minuti nelle gambe e per scoprire, probabilmente,, quali dei nuovi arrivati siano spendibili nel prossimo impegno nel preliminare di Europa league. Udinese che parte malissimo con il Monfaclone che si porta in vantaggio con Acampora. I bianconeri arrivano al pareggio solo al 40° prima di prendere il largo con doppietta di Widmer, gol di Ranegie e di Vydra.

MARCATORI: 1′ Acampora, 42’pt Widmer, 45’pt Vydra, 17’st Widmer, 25’st Ranegie

UDINESE (3-4-2-1): Pawlowski, Naldo, Coda, Bubnjic, Widmer, Mlinar (1’st Merkel), Lazzari, Pasquale, Fernandes (1’st Jadson), Zielinski (21’st Ranegie), Vydra (33’st Alhassan). Allenatore: Francesco Guidolin. A disposizione: Scuffet.

MONFALCONE (4-4-2): Contento, Missio (1’st Dallan), Gallinelli (1’st Montina), Carli, Cussigh, Martinchig (15’st De Cecco), Raffa, Coacci, Bergamasco (1’st Strussiat), Acampora, Rocco. Allenatore: Giuliano Zoratti. A disposizione: Zolwf, Radosevic, Costa.


 

PAWLOWSKY: COSTANTE: nessuna colpa sul gol quando l’ottimo Acampora lo salta con grande freddezza. Il suo futuro è lontano da Udine con l’arrivo di Benussi come secondo.

NALDO: COSTANTE: senza essere un fulmine di guerra dimostra di essere spendibile. Lo vedremo comunque contro avversari più veloci.

CODA: COSTANTE: è una carta buona per tutte le stagioni, troverà spazio come riserva di Danilo e forse anche di Domizzi

BUBNIJC: SCENDE: al momento non sembra in grado di reggere l’impatto di un campionato di Serie A.

WIDMER: SALE: impressionante. Nel momento in cui la barca oscilla pericolosamente prende per meno i compagni e li porta in acque sicure. Fra l’altro un senso del gol incredibile. Buono tecnicamente fa del fisico la sua arma vincente. Vedremo come se la caverà contro avversari più competitivi.

MLINAR: SCENDE: sembra che 10 gg di allenamento con i compagni non gli siano serviti: quando gli arriva  la palla la smista subito con lancio lungo sulla fascia destra o su quella sinistra. il piede non è male ma il gioco di Guidolin prevede altro e il fatto che non abbia ancora cominciato a capirlo non depone a suo favore. Ideale per un 4-3-3

dal 1 st MERKEL: COSTANTE: senza fare meravigli si applica con diligenza anche in un ruolo, quello di centrale in un centrocampo a 4, che non gli è usuale. Si limita a fare il necessario e questa nuova dimensione di umilità potrebbe anche essere premiata. C’ è l’atalanta sulle sue tracce ma potrebbe essere convocato per il preliminare

LAZZARI: COSTANTE: da centrale nel centrocampo a 4 continuiamo a non vederlo. la sua indole artistica ha poco a che fare con le necessità da ape lavoratrice che richiede il ruolo. Siccome è intelligente si applica al massimo con risultati dignitosi ma denuncia delle lacune inevitabili in fase di contenimento.

PASQUALE: COSTANTE: sta mettendo chilometri nelle gambe. Se supportato adeguatamente da una mezzala o da un trequartista che gioca con l’uno-due è sempre un giocatore temibile. Se ci aspettiamo che salti l’uomo e vada in fondo  siamo fuori strada

FERNANDES: SALE: dice di vedersi meglio come mezzala ma a noi piace più come trequartista. Qualche buono spunto individuale e un palo ne fanno un giocatore pericoloso. Non è pronto per far parte del gruppo con costanza ma ha margini di crescita.

dal 1°st JADSON: COSTANTE: inutile negare che tutti ci aspettavamo di più. Viviani lo prova nei due trequartisti con scarsa fortuna. ha capito il mantra di Guidolin del gioco semplice e dei passaggi veloci e sicuri. cerca di applicarsi anche se ogni tanto cerca il numero forse per affermare qualcosa che si sente mancare. Comunque c’è un gap fisico che contro l?UFM risulta minimo ma contro una squadra di serie A potrebbe essere impietoso. per lui ora all’orizzonte c’è tanta panchina e tanta palestra. non è bocciato ma ha bisogno di crescere

ZIELINSKI: COSTANTE: non appare in grandissima forma e fatica a combinare con i compagni ma sarà uno degli uomini in più del prossimo campionato. Scommettiamo, se mai ce ne fosse bisogno, su di lui. il resto lo farà Guidolin. E’ un diamante e neppure troppo grezzo.

dal 21° st. RANEGIE: SALE: c’è poco da fare il pennellone svedese è utile. eccome. Contro avversarie di basso rango potrebbe addirittura risultare decisivo. secondo noi merita di restare in rosa visto anche le sue caratteristiche uniche fra le punte. magari se quest’anno sarà un po’ più discplinato fuori dal campo potremmo avere un bella sorpresa.

VYDRA: SCENDE: anche se realizza il gol del vantaggio non sembra davvero poter dare qualcosa alla squadra. Forse è demotivato. con Totò e Muriel davanti e con l’arrivo di Nico Lopez di oggi sa che le chance per lui sono pochissime.

dal 21° st ALHASSAN. COSTANTE: non è male; come già detto chi se lo prende fa un affare

 

facebook

Lascia un commento

444