* * IDEE PER I TUOI REGALI DI NATALE * * Guarda la nostra lista dei desideri * * * * * *

Udinese Bologna: Gotti “Alzare il livello sotto tutti gli aspetti”

Ai microfoni di Udinese Tv, mister Luca Gotti ha presentato la sfida al Bologna. Ecco le sue parole:

Mister, si riparte dopo due settimane. L’Udinese non ha perso molti nazionali, le chiedo come ha lavorato la squadra e su quali aspetti si è concentrato?

“Abbiamo lavorato tanto e l’obiettivo generale è quello di alzare il livello della squadra. Questo vale dal punto di vista atletico, tecnico, tattico e mentale: ogni giorno ci deve essere un piccolo mattoncino da aggiungere e questi momenti di sosta possono essere particolarmente fertili per questo”.
La vittoria manca dalla terza giornata e in casa sono arrivati due ko, quanto contate anche sul fattore Dacia Arena per la gara di domani?

“La spinta del pubblico è importante. Dobbiamo essere bravi con il nostro atteggiamento a creare una situazione che sia favorevole all’entusiasmo del nostro pubblico, facendo in modo che anche i tifosi riescano a restituirci, dal punto di vista emotivo, lo stesso spirito. Per questo principalmente dipende da noi da come affrontiamo la partita, dalla voglia e dall’impegno massimo che avremo”.

Arriva il Bologna avversario che in trasferta ha fatto un po’ di fatica ma in casa ha colto risultati importanti che sfida sarà?

Sono state giocate solo 7 partite. Anche il calendario influisce su questo tipo di valutazioni. Sono andati a Bergamo, a Milano e, poi, è arrivata questa confitta con l’Empoli, quindi non può essere considerata una tendenza. Il Bologna ha fatto, comunque, un cospicuo bottino di punti e, alla lunga, le cose si normalizzeranno”.

Mihajlovic ha variato ultimamente sistema di gioco passando ad una difesa a 3 si è fatto un’idea di cosa possa cambiare per l’Udinese nel modo di affrontare il Bologna?

“Ovviamente ci siamo fatti un’idea generale. Per noi non cambia molto, variano solo un paio di sfumature ma nulla di sostanziale”.

In queste settimane si è parlato tanto di cambio modulo col passaggio al 4-2-3-1 che ha collaudato anche in amichevole, a punto è l’assimilazione dei nuovi meccanismi da parte della squadra per poter replicare questo assetto anche in campionato?

“Questa variante permette di sfruttare in maniera diversa alcune qualità nella nostra rosa e di avere i giocatori a disposizione per fare un certo tipo di scelte. In generale, penso che possa venirci utile in certe partite e all’interno delle partite in alcuni momenti. E’ chiaro che un lungo percorso fatto con una nostra idea fa si che i particolari siano stati assimilati in un certo modo, cambiano solo i principi ma, comunque, ci vuole un po’ di tempo per assorbire un nuovo sistema”.

Punto nazionali, come li ha ritrovati? Larsen e Udogie sono rientrati da già qualche giorno, Molina solo stamattina. Pensa di farlo riposare visto che ha giocato 3 partite intere con l’Argentina?

“Larsen ha giocato poco, ha solo la fatica dei viaggi. Udogie ha giocato ma era in Italia ed è arrivato presto recuperando bene. Molina è tornato stamattina, ha giocato tre partite, con grandi distanze percorse, vedremo come si sentirà domani”.

In settimana sono rientrati gli acciaccati Pussetto, Deulofeu e Jajalo, sono tutti in buone condizioni?

“Sono tutti nella condizione di dare il loro contributo”.

433