Udine

Udinese-Celtic, 1-1: si va avanti in Europa! Le pagelle

europa-league-udinese-celticUdine, 15 dicembre 2011. In Europa la tradizione gioca un ruolo importante nelle delicate partite a scacchi a cui il palcoscenico continentale costringe. A questo punto della storia dell’Udinese nelle coppe l’unico aspetto che si è morbosamente consolidato è quello della sofferenza. Ricordiamo sia vittorie  che sconfitte caratterizzate dal disagio e dall’incertezza, che aumentano mano a mano che passano i minuti. Un gol dalle numerose occasioni create avrebbe reso la serata più tranquilla, ma a risultato acquisito possiamo dire che così c’è più gusto. Succede tutto nel primo tempo, con la rete di Hooper al 29’ e il pareggio del solito Di Natale. Dubbi su un possibile rigore a favore degli ospiti nel finale.

Le pagelle:

HANDANOVIC, 6,5: da brividi il giochetto nuca, palo e parata. Nessuna repsonsabilità sulla rete subita

BENATIA, 7 : ancora una volta conferma di essere uno dei migliori difensori in circolazione.

DANILO, 7 :che classe! Propone gioco da brasiliano, ma non  lesina le sportellate quando la ruvidità degli avversari lo richiede, cioè quasi sempre.

EKSTRAND, 6: la sfortuna lo coinvolge nell’azione del gol ospite. Per il resto non demerita affatto

BASTA, 6,5: il Malcom Mc Dowell dell’Udinese è più guaardingo che arrembante, ma va benissimo così.

BADU, 6,5: Fino a quando sta in campo si conferma interditore prezioso dal piede in progressivo miglioramento. Il gol, non a caso, viene subito quando  lui è dolorante a bordo campo. Dal 29’ pt PINZI, 6,5: solito contributo di generosità ed esperienza.

DOUBAI, 6: La miglior partita dell’ivoriano da quando gioca in bianconero e anche la prima in cui viene schierato dall’inizio accanto a giocatori già maturi. Dal 1’ st ISLA, 6: partecipa, suo malgrado, al festival dell’occasione sprecata. Comunque sufficiente.

ASAMOAH, 6,5: Coraggioso e propositivo. Nel giorno della convocazione per la Coppa d’Africa cresce il rimpianto per non averlo a disposizione per febbraio.

ARMERO, 6: polveri leggermente bagnate per Pablo, ma tanta corsa e buona volontà cafetera.

ABDI’, 6,5: non è una mezzapunta da spunto decisivo, ma esegue bene il compito che gli viene dato

DI NATALE, 7: decisivo come al solito, ma un paio di occasioni concretizzate avrebbero reso la serata meno sofferente.

Nicola Angeli

facebook
629