Udinese: Champions, alle 12 il sorteggio.

urnaDopo il pareggio casalingo con il Milan dello scorso campionato era cominciato il lungo conto alla rovescia per conoscere l’avversario che i bianconeri si sarebbero trovati di fronte nel preliminare di Champions. L’Udinese, come si sa già da tempo, non sarà testa di serie e sarà inserita dunque nell’urna delle “sfidanti” e potrà essere accoppiata con una delle squadre teste di serie che sono: Bayern Monaco, Arsenal, Olympique Lione, Benfica (che ha passato il turno contro il Trabzonspor) e Villareal.

Bayern Monaco: sicuramente l’ostacolo più difficile. Costretti al preliminare dopo un annata no, terminata con il terzo posto in campionato, i bavaresi possono comunque vantare una rosa di giocatori da far rabbrividire Guidolin e i suoi collaboratori: su tutti gli stantuffi sulle fasce Robben e Ribery che sono in grado di mettere in difficoltà qualsiasi squadra al mondo. Sarebbe obiettivamente un ostacolo quasi insormontabile. Di Natale ha dichiarato che sente che il sorteggio ci riserverà proprio il Bayern e li ha definiti “non dei leoni” lontani dall’Allianz Arena. Già. Peccato che in casa sono in grado di schiacciare chiunque in 30 metri. Staremo a vedere.

Arsenal: il mito dell’Arsenal dei giovani che gioca un calcio spettacolare si sta forse incrinando. Per prima cosa i Gunners sono arrivati 4^ lo scorso anno ed è un piazzamento che ha eroso un po’ di fiducia nel tecnico Wenger, che ondeggia fra 3° e 4° da troppi anni senza vincere nulla, seduto sulla panchina biancorossa dal 96. Inoltre la situazione della rosa è quantomeno esplosiva. Fabregas, gioiello di famiglia, sta facendo carte false pur di poter tornare a rivestire la casacca blaugrana del Barcellona dove si è formato. Anche l’astro nascente Nasri ha fatto sapere dei suoi mal di pancia e l’Arsenal è un po’ nell’occhio della critica per lo scraso rendimento del precampionato. Solo il nuovo acquisto Gervinho pare aver convinto. La stella rimane l’olandese van Persie anche se va detto che l’Arsenal ha costruito la sua fama attraverso il gioco più che attraverso i singoli. Occhio ovviamente anche ad Arshavin (anche lui separato in casa), Bentder e Walcott. Sabato, al momento della chiusura della liste , sapremo se l’Arsenal avrà incluso o meno Fabregas nella sua rosa Champions. Trasferta comunque difficile perchè all’Emirates Stadium l’Arsenal è sempre tiranno.

Lione: dopo l’epopea dei sette titoli nazionali consecutivi, frustrati però dallo scarso rendimento in Champions , il Lione appare unpo’ ridimensionato rispetto agli anni in cui era una autentica mina vagante del panorama euorpeo. Le stelle della squadra transalpine sono Bastos (posto che rimanga), Ederson, Lisandro Lopez e il francese Gourcouff. Forse la squadra più approciabile dell’intero lotto.

Benfica: unica fra le possibili sfidanti dell’Udinese ad essere passata per un ulteriore turno preliminare il Benfica avrà sicuramente il vantaggio di essere ampiamente rodata. una squadra molto tecnica, nel pieno spirito portoghese del calcio, dotata di molti funamboli come gli ex futuri Maradona Saviola e Aimar che sono anche le due stelle della squadra. Il possesso palla è la forza del Benfica anche se i due argentini là sulla trequarti son oin grado di far male a qualsiasi difesa anche se i  lusitani possono giocarsi anche la carta Cardozo, gigante d’area alto 1 94. Luisao dietro è il leader della difesa. Giocare allo stadio Da Luz non sarà facile anche per la mentalità del benfica vinciotre di 32 campionati e 2 Coppe Campioni

Villarreal: sicuramente la squadra meno blasonato del lotto, ma se è arrivata quarta nel campionato spagnolo non è certo da sottovalutare. Guidata dal centrocampista Senna il Villareal oltre ad essersi accaparrato proprio Zapata dall’Udinese, può vantare davanti due giocatori di grande tecnica e spiccato senso del gol come Giuseppe Rossi e Nilmar. Non è da considerare una squadra senza esperienza europea visto che solo tre anni fa ha raggiunto le semifinali di Champions League.

la cosa che più conta però è l’Udinese. Uscita molto ridimensionata dal mercato con le partenze di Sanchez, Inler e Zapata guidolin si troverà a dover allestire un miracolo per mettere in campo una formazione competitiva. Se Barreto non convincerà appieno nel torneo di Cadice probabile il cambio di modulo con il passaggio alla difesa a 4. Insomma qualche grana c’è. Inutile stare qui a negarlo nonstante la parole del Paròn che ha voluto immettere unpo’ di fiducia nell’ambiente. Probabilmente l’Udinese è la squadra che tutte le teste di serie vorranno evitare anche se è l’unica a non avere ancora disputato partite ufficiali. Lo spauracchio è sempre lui: capitan Di Natale.

Sorteggio  alle ore 12 a Nyon.

facebook
520