Aperitivo a Grado

Udinese: Fabbrini, Floro, Benatia e Basta si allenano a parte. A Roma con il 3-4-1-2?

facebook

Sarà una sfida da detnro o fuori quella che opporrà mercoledì sera l’Udinese alla Roma nel teatro dell’Olimpico. I friulani, quarti a quota 51, tallonano la Lazio, terza a quota 54, mentre la Roma è attardata a 47 punti quando mancano 7 partite al termine del campionato e il miraggio Champions si fa sempre più lontano. Mentre i biancazzurri renderanno visita alla prima della classe l’Udinese si gioca la possibilità di rientrare in piena corsa mentre per la Roma è quasi un’ultima spiaggia quella che veine offerta domani sera. In caso di sconfitta per i gialorossi sarebbe il De profundis, in caso di pareggio le probabilità calerebbero ancora di qualche punto mentre in caso di vittoria l’intera corsa Champions tornerebbe ad aprirsi considerando anche la corsa dell’Inter, attualmente a quota 45.

Udinese che continua la sua rincorsa europea a ranghi ridotti e nell’allenamento di Pasquetta Floro Flores, Fabbrini, Benatia e Basta hanno lavorato a parte ed è quindi difficile ipotizzare un loro recupero per l’impegno di mercoledì. Fuori ovviamente anche Badu e Isla. Sarà interssante capire se Guidolin intenderà riproporre il 3-4-1-2 sperimentato contro il Parma o tornerò al tradizionale 3-5-1-1 che è stato il marchio di fabbrica dell’ultimo anno e mezzo.

Si tratta di arginare il possesso palla della Roma, tuttaltra cosa da quello del Barcellona, sia chiaro, che intenderebbe emulare il gioco avvolgente dei blaugrana. Il trequartista-interdittore potrebbe essere un arma letale a disposizione di Guidolin; Luis Enrique prosegue a proporre una linea difensiva piuttosto alta e rubare palla all’altezza della linea di metàcampo significherebbe lanciare in velocità le due punte. Uno schema vecchio come il mondo che ptorebbe essere il canovaccio della partita di mercoledì sera

235