Udinese – Lazio: Guidolin, “Dovremo lottare su tutti i campi, il nostro obiettivo sono i 40 punti”

Udinese alla prima di campionato 2013/2014 alla prova all’olimpico contro la Lazio alle 20:45 dopo l’inopinata sconfitta in Europa League contro lo Slovan Bratislava

GUIDOLIN #1: Noi partiamo con il nostro profilo di andare a lottare su tutti i campi. Pensiamo innanzitutto ai 40 punti. Loro sono un avversario difficile con il quale ci siamo scontrati nelle passate stagioni. E’ una trasferta dura su un campo difficile.

OBIETTIVI #2: quando sono arrivato 4 anni fa alla prima di campionato, si parlava di una Udinese che avrebbe dovuto lottare per la Champions; la squadra era molto forte ma quel modo di intendere la stagione non ha portato bene. Noi (al Parma ndr) arrivammo qui con tanta paura ma poi riuscimmo a ritagliarci l’ottavo posto con la filosofia di lottare. E’ il mio modo di pensare non lo cambierò

POST EUROPA: non dobbiamo innervosirci, la squadra ha seguito sempre i miei insegnamenti. Anche se le cose si mettono male dobbiamo riuscire a restare freddi, mantenere la calma. Non dobbiamo pensare all Europa League, da lunedì penseremo a come fare per rimontare. la prestazione è stata buona anche se il secondo tempo non è stato bello come il primo. Gli episodi chiave ci hanno condannato. La prepareremo dopo la Lazio. L’ansia di voler ribaltare il risultato ci ha penalizzato, abbiamo perso di lucidità

INFORTUNATI: non so come stiano di preciso Muriel e Di Natale, vediamo la rifinitura e comunque manca ancora un giorno. Mi piacerebbe averli entrambi a disposizione per poter scegliere cosa fare

DOMIZZI: ogni tanto va un pochino oltre con le proteste ma è una persona matura ed equilibrata. Dobbiamo lavorare con tutti per stare calmi. E’ un discorso che va fatto in generale

LAZIO: loro ci possono mettere in difficoltà come hanno sempre fatto. L’anno scorso ci hanno fatto fare una pessima figura anche se allora molto è dipeso di noi. Contro la Juve erano partiti bene poi la juve dopo il gol ha messo in cassaforte il risultato in pochi minuti. Sono forti, loro faranno una partita importante. La Juve è la più forte del campionato

FUORIGIOCO: la nuova regola ci è stata illustrata; a vederla così non sembra aiutare molto gli arbitri che devono interpretare ancora di più l’azione.

 

POSSIBILE FORMAZIONE: 3-5-1-1 Kelava; Naldo, Danilo, Domizzi; Basta, Pinzi, Allan, Lazzari, Gabriel Silva; Pereyra, Muriel

Varianti: Di Natale (ferito alla testa – 5 punti) e Muriel (contusione al polpaccio) sono acciaccati ma entrambi recuperabili; considerando anche la partita di giovedì possibile panchina per Di Natale. Naldo potrebbe prendere il posto di Heurtaux (75%/25%); Gabriel Silva probabilmente manterrà la sua posizione sulla sinistra per non cambiare troppi titolari. Se Di Natale sta fuori probabile inserimento di Lazzari sulla mediana con Pereyra dietro alla punta. Tutti lo danno titolare ma molto spesso a Pinzi sono state risparmiate le tre partite in una settimana. Al suo posto potrebbe giocare Badu o Pereyra con inserimento di Maicosuel da trequartista

 

 

416