udinese_roma-1

Doccia fredda, anzi freddissima, nel finale per l’Udinese di Francesco Guidolin che nell’anticipo del “Friuli” viene beffata da Totti, in pieno recupero, dopo che il solito Di Natale aveva raddrizzato la situazione con il ventiseiesimo sigillo stagionale. Ma sul risultato finale pesa anche un rigore – netto – non assegnato ad Asamoah, sull’1-1, per un’evidente spinta di Perrotta.

Nell’Udinese Sanchez getta la spugna durante la fase di riscaldamento, al suo posto Guidolin sceglie Denis e i friulani partono con il piede giusto. Prima Abdì e Isla si fanno ribattere le loro conclusioni da due difensori ospiti e quindi Di Natale, siamo al 10’, ci prova dal limite, ma Doni se la cava. Quindi sale in cattedra Denis che, tra 15’ e 16’, prima viene chiuso in extremis da Riise e poi, sul corner seguente, non trova il varco giusto di testa su assist di Abdì. Passiamo al 30’ ed è Abdì a scaricare un destro velenoso dai 20 metri su cui Doni si salva in due tempi, prima che sia però Handanovic, su una deviazione di Denis verso la propria porta in seguito ad un piazzato di Totti ad evitare un autogolbeffa clamoroso. Sempre Roma, quindi, al 42’ quando Cassetti ci prova di sinistro, ma la sua conclusione non trova lo specchio. È l’ultima azione degna di nota di una prima frazione che si chiude in parità e senza nemmeno un minuto di recupero.

È una seconda frazione, quella che si apre al “Friuli”, senza cambi nei due schieramenti, ma sorpattutto con la prima, ghiottissima, palla gol dell’incontro. Minuto numero 52, contropiede dell’Udinese con Asamoah che
pesca splendidamente Isla sulla corsia opposta, il cileno stoppa la sfera,
si coordina perfettamente, ma il suo destro secco sibila di poco a lato della porta di Doni. Ma al 55’ Pizarro entra in area, Pinzi lo affronta e per Damato è calcio di rigore: batte Totti che di “cucchiaio” supera Handanovic. L’Udinese prova a reagire, ma al 60’ è super Domizzi a salvare sulla linea un colpo di testa, a porta vuota, di Juan. Replica friulana con Denis che, di testa, mette alto e con Zapata che non arriva per un soffio su una spizzata volante di Domizzi. Guidolin inserisce Cuadrado e Corradi e proprio quest’ultimo ci prova, senza successo, al 73’. Quindi Isla, dalla media distanza, colpisce troppo centrale per impensierire l’estremo difensore avversario. Ma al 43’ su lancio lungo Corradi devia la sfera quel tanto che basta per mettere Di Natale a due passi da Doni e, in semirovesciata, batterlo per il pareggio. Poi il finale: Damato non vede una netta spinta di Perrotta ai danni di Asamoah e, anzi, punisce il centrocampista ghanese e nel quarto minuto di recupero Totti beffa
Handanovic e tutta l’Udinese.

Fonte udinese.it
















Lascia un commento

588