Un viaggio attraverso l’Italia per raccontare l’Alzheimer

Arriva al Visionario solo per tre giorni PerdutaMente, documentario con cui Paolo Ruffini (attore, autore e regista popolare in cinema, tv e teatro) in coregia con Ivana Di Biase, torna a toccare un tema di particolare impatto sociale, in modo profondo e insieme leggero e disincantato. Un modo già sperimentato nel precedente Up&Down, e che in PerdutaMente tocca i confini di un mondo complesso: quello dell’Alzheimer.

Il film sarà in programma dal 14 al 16 febbraio (prevendita attiva online e presso la cassa del Visionario). Martedì 15 febbraio alle 16.30 la proiezione sarà accompagnata da un commento a cura dell’Associazione Alzheimer Udine ODV che presenterà anche lo spot inedito che promuove la propria attività e “racconta” la panchina viola al parco Moretti.

Il morbo di Alzheimer è una malattia neurodegenerativa che colpisce il sistema nervoso centrale, determinando decadimento fisico e cognitivo, perdita della memoria, della coscienza e della percezione del sé e della realtà. In PerdutaMente Paolo Ruffini attraversa l’Italia per intervistare persone affette dalla malattia di Alzheimer e i loro familiari, “seconde vittime” dell’Alzheimer, che si trovano ad affrontare un carico fisico ed emotivo enorme accompagnando i propri cari attraverso il doloroso cammino della malattia. Dall’Alzheimer, ad oggi, non è possibile guarire, tuttavia è possibile curarla, nel senso di “prendersi cura” di chi si ama, e l’unica cura possibile è l’amore. Il centro narrativo del documentario non è infatti la malattia, ma le emozioni e i sentimenti che legano i pazienti ai propri cari. Attraverso le interviste si raccontano diverse storie d’amore, e soprattutto diverse dimensioni dell’amore: quello tra compagni di vita, tra genitori e figli, nonni e nipoti, tra fratelli e sorelle. In questo viaggio, tra storie e sentimenti, mentre la memoria della realtà viene progressivamente sgretolata dalla malattia, resta invece la memoria emotiva che rappresenta l’unico legame che i pazienti conservano con la vita che li circonda. “Io non so chi sei, ma so di amarti”.

Per la programmazione completa e per l’acquisto dei biglietti consultare il sito www.visionario.movie. Ricordiamo che per accedere al cinema sono necessari il Super Green Pass e la mascherina ffp2, da indossare per tutta la durata della proiezione.

1.053