Bearzi

UNA NUOVA BANDIERE DEL GUSTO AL FVG LA SODDISFAZIONE DEL PRESIDENTE ERMACORA

Una nuova bandiera del gusto è stata assegnata al Fvg ponendo la nostra regione a metà classifica fra le regioni italiane con complessive 163 bandiere del gusto che corrispondono ad altrettanti specialità alimentari. “Non male per una piccola regione come la nostra – ha commentato da Roma il presidente di Codiretti del Fvg Dario Ermacora, presente, alla guida di una delegazione del Fvg, all’annuale assemblea nazionale di Coldiretti che si è svolta oggi a palazzo Ruspigliosi a Roma alla presenza dei vertici delle federazioni di Udine, Gorizia, Pordenone e Trieste e di tutte le province d’Italia. La nuova specialità del Fvg è le Fave di Sauris.

Salgono quindi al numero record di 4965 le “bandiere del gusto” a tavola assegnate all’Italia nel 2016 sulla base delle specialità alimentari tradizionali presenti sul territorio nazionale. É quanto è emerso all’assemblea della Coldiretti con la presentazione dell’analisi sulle “Vacanze Made in Italy” durante l’estate 2016, vacanze funestate dagli attacchi terroristici. “Sono 79 i prodotti che – sottolinea la Coldiretti – si sono aggiunti rispetto allo scorso anno e che sono andati ad incrementare sul territorio nazionale il patrimonio di specialità che sono ottenute secondo regole tradizionali protratte per almeno 25 anni, secondo la sedicesima revisione del censimento dei prodotti agroalimentari tradizionali delle regioni. “È questo il risultato del lavoro di intere generazioni di agricoltori impegnati a difendere nel tempo la biodiversità sul territorio e le tradizioni alimentari”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “si tratta di un bene comune per l’intera collettività e di un patrimonio anche culturale che l’Italia può oggi offrire con orgoglio ai turisti italiani e stranieri”.
 
Sul podio delle bandiere del gusto assegnate a livello regionale salgono – precisa la Coldiretti – la Campania (486) che quest’anno, con l’inserimento di 29 nuovi prodotti, ha conquistato la leadership scavalcando la Toscana (460), mentre il Lazio (396) consolida il terzo posto. A seguire si posizionano l’Emilia-Romagna (387) e il Veneto (378), davanti al Piemonte con 336 specialità e alla Liguria che può contare su 294 prodotti. A ruota tutte le altre Regioni: la Calabria con 269 prodotti tipici censiti, la Puglia con 251, la Lombardia con 247, la Sicilia con 242, la Sardegna con 189, il Friuli-Venezia Giulia con 163, il Molise con 159, le Marche con 151, l’Abruzzo con 148, la Basilicata con 113, la provincia autonoma di Trento con 105, l’Alto Adige con 90, l’Umbria con 69 e la Val d’Aosta con 32.
 
A prevalere tra le specialità regionali sono – riferisce la Coldiretti – i 1511 diversi tipi di pane, pasta e biscotti, seguiti da 1394 verdure fresche e lavorate, 786 salami, prosciutti, carni fresche e insaccati di diverso genere, 493 formaggi, 231 piatti composti o prodotti della gastronomia, 145 bevande tra analcoliche, liquori e distillati, 160 prodotti di origine animale (miele, lattiero-caseari escluso il burro, ecc.) e 157 preparazioni di pesci, molluschi, crostacei. 
 
ACCORDO COLDIRETTI/CONI PER MENÙ AUTENTICAMENTE ITALIANI A RIO
 
Nel corso dell’assemblea è stato anche presentato l’accordo Coldiretti e Coni per portare materie prime italiane per la preparazione del menù degli atleti italiani alle olimpiadi di Rio. “Le Olimpiadi rischiano di essere un palcoscenico mondiale per i prodotti Made in Italy taroccati dei quali il Brasile è un grande produttore, dal Parmesao alla pomarola fino al salame Milano tutto carioca” ha infatti denunciato in assemblea il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo che ha mostrato dal vivo questi esempi insieme al presidente del Coni Giovanni Malagò presentando l’accordo con Casa Italia per Rio 2016 #Riomangioitaliano. Con questo accordo l’obiettivo della Coldiretti – ha sottolineato Moncalvo – è garantire durante i giochi un menu autenticamente tricolore agli atleti italiani, ma anche contrastare il dilagante fenomeno dell’italian sounding a tavola che toglie spazi di mercato al vero Made in Italy.
 
Un inganno in cui rischiano di cadere anche le centinaia di migliaia di tifosi che da tutto il mondo arriveranno in Brasile per seguire le Olimpiadi e che – sottolinea la Coldiretti – potrebbe provocare un grave danno economico e di immagine alla produzione Made in Italy. Sui banchi dei supermercati e nei ristoranti del Brasile è possibile acquistare prodotti e piatti che – denuncia la Coldiretti – richiamano in modo spudorato ai cibi più tipici dell’Italia senza avere nessuna delle caratteristiche qualitative, di sicurezza e di legame con il territorio nazionale. L’azione di una task force della Coldiretti ha permesso di scoprire la commercializzazione di prodotti come il Gran formaggio tipo grana, la pomarola, il Parmesao e il salame tipo Milano rigorosamente Made in Brasile. Tutti prodotti che – continua la Coldiretti – possono trarre in inganno sulla reale origine anche perché spesso le confezioni richiamano nei colori al tricolore e nelle immagini all’Italia.  
  
LE BANDIERE DEL GUSTO ASSEGNATE NEL 2016

Regione
 
Specialità
 

Campania
 
486
 

Toscana
 
460
 

Lazio
 
396
 

Emilia-Romagna
 
387
 

Veneto
 
378
 

Piemonte
 
336
 

Liguria
 
294
 

Calabria
 
269
 

Puglia
 
251
 

Lombardia
 
247
 

Sicilia
 
242
 

Sardegna
 
189
 

Friuli-Venezia Giulia
 
163
 

Molise
 
159
 

Marche
 
151
 

Abruzzo
 
148
 

Basilicata
 
113
 

Trentino
 
105
 

Alto Adige
 
90
 

Umbria
 
69
 

Val d’Aosta
 
32
 

Totale
 
4965
 

Fonte: Elaborazione Coldiretti sul censimento dei prodotti tradizionali regioni 2016.

Tipologia
 
Prodotti
 

 
Abr.
 
Bas.
 
Cal.
 
Cam
 
Em.
 
Fri.
 
Laz.
 
Lig.
 
Lom.
 
Mar.
 
Mol.
 
Pie.
 
Pug.
 
Sar.
 
Sic.
 
Tos.
 
Umb
 
Val.
 
Ven.
 
Bz.
 
Tn.
 
Ita.
 

Bevande analcoliche, distillati e liquori
 
7
 
1
 
10
 
17
+1
 
12

 
7

 
8

 
7
 
1
 
7

 
5
 
8

 
13

 
6

 
4
 
8
 

 
2

 
8

 
5

 
8

 
144
+1

 

Birre
 

 

 

 

 

 

 

 
1
 
1
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
1
 
3
 

Carni (e frattaglie) fresche e loro preparazione
 
25
+1
 
17
+1
 
28
 
51
+2

 
45

 
45
 
52
 
27
 
68
 
30
 
32
 
67

 
24
 
15

 
5
 
80
-1

 
13
 
7
+1
 
104
 
16
 
35
 
786
+4
 

Formaggi
 
14
 
14
+2

 
24
 
49
+4
 
12

 
15
 
40

 
17
 
62
-1
 
11
 
12
 
51
 
17
 
17

 
26
 
34

 
4
 
9

 
36

 
14
 
15
 
493
+5
 

Grassi (burro, margarina, oli)
 
2
 

 
4
 
3
 

 
3
 
9
 
3
 
2
 
7
 

 
1
 
1
+1
 
1
 
1
 
3
 

 
5
 
1
 
1
 
1
 
48
+1
 

Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati
 
30
 
32
+7

 
73
 
 
210
+11
 
56

 
43
+7

 
95

 
 
101
 
29
-1
 
42
 
30
 
93

 
92
+1

 
44
+1
 
67

 
191
+1

 
12
-1
 
2

 
118
+2

 
18
 
16
 
1394
+28
 

Paste fresche e prodotti panetteria, biscotteria, pasticceria, confetteria
 
49
 
39
+4

 
85
 
109
+7

 
166
+3

 
18
 
165
+3

 
75

 
72
+1
 
45
 
69
 
97

 
78

 
72
+3
 
 
84

 
121
-1

 
31
 
2
 
75
+1
 
35
 
24
 
1511
+21
 

Prodotti di origine animale (miele, lattiero-caseari escluso burro)
 
3
 
4
 
11
 
14
 
8
+2
 
15
+2
 
9
 
4
 
4
 
4
 
1
 
11
 
4
 
19
+1
 
13
 
11
 
1
 
4
 
15

 
1
 
4
 
160
+5
 

Preparazioni di pesci, molluschi crostacei e tecniche particolari di allevamento degli stessi
 
1
 
3
+3
 
21
 
8
+1
 
6
-1

 
13
 
8
 
7
 
4
 
1
 
10
 
3
 
9
 
14
+1

 
11

 
10
 
6
 

 
21

 

 
1
 
157
+4
 

Condimenti
 

 

 
1
 

 
3
 
3
 
4
 
10
 

 
4
 

 
5
 
1
 
1
 
2
 
2
 
2
 

 

 

 

 
38
 

Piatti composti o prodotti
della gastronomia
 
17
 
3
+1
 
12
 
25
+3

 
79
+5

 
1
 
6

 
42
 
4
+1

 

 

 

 
12

 

 
29
 

 

 
1
 

 

 

 
231
+10
 

TOTALI
 
148
+1
 
113
+18
 
269
 
486
+29
 
387
+9
 
163
+9
 
396
+3

 
294
 
247
 
151
 
159
 
336
 
251
+2

 
189
+6

 
242
 
460
-1
 
69
-1

 
32
+1
 
378
+3

 
90
 
105

 
4965
+79
 

 

Powered by WPeMatico

facebook
449