Università Udine: Presidio permanente Palazzo Florio: Le FOTO della prima notte

rettorato6

Si è lavorato fino a notte fonda al presidio a Palazzo Florio per programmare attività d’informazione e di protesta. Domani (o meglio, tra poche ore) incominceranno i volantinaggi e per le ore 18.00 ci riuniremo in assemblea, aprendo le porte anche alla cittadinanza, per continuare a parlare di D.D.L. e di tagli all’Università.

A seguito di un’assemblea al Polo Scientifico convocata per il 25 novembre abbiamo deciso di iniziare un presidio permanente al Rettorato dell’Universita? degli Studi di Udine a partire dalle ore 16.
Gli obiettivi che ci poniamo sono l’analisi degli effetti del D.D.L. e dei tagli previsti. Abbiamo costituito un gruppo di lavoro misto tra tutti i soggetti della Comunita? Accademica che possa nei prossimi giorni – e poi nei prossimi mesi – sensibilizzare l’opinione pubblica sul futuro a rischio dell’Universita? e della Ricerca pubblica in Italia. Con cio? non si vogliono negare i grossi problemi del Sistema Accademico, afflitto da sprechi ed equilibri di potere spesso intoccabili, troviamo pero? che con un indebolimento del ruolo dei Ricercatori, una sottrazione delle risorse (in primis a quell’attivita? di ricerca vitale per una nazione) e l’introduzione ai vertici d’Ateneo di una rilevante presenza del Privato non si risolva minimamente questi problemi, anzi, se ne favorisca il consolidamento.
Contro il D.D.L. 1905 quindi, ma soprattutto per una diversa concezione della cultura, della ricerca e dell’istruzione in questo Paese in cui riforme e fondi siano destinati ragionando in modo piu? serio e lungimirante di quanto fatto fin’ora. Abbiamo un patrimonio culturale che nessun altro stato al mondo puo? vantare, esportiamo sapere (la fuga dei nostri cervelli e? un fenomeno tristemente noto da decenni), vendiamo a tutto il mondo i risultati della nostra ricerca e non vogliamo lasciarli crollare sotto i tagli (Pompei insegna).
Ci uniamo alle proteste pacifiche che inziano spontaneamente in tutta Italia che stanno portando sui tetti delle Universita? e nei Rettorati gli Studenti, i Ricercatori e tutti coloro a cui sta a cuore il futuro dell’Alta Formazione e della competitivia? tecnologica. Non ci renderemo disponibili alle strumentalizzazioni e respingiamo in anticipo le banali accuse mosse dal Ministro dell’Istruzione di essere complici dei “Baronati”, vogliamo il cambiamento ma quello serio e condiviso.
Nei prossimi giorni il presidio monitorera? l’avanzamento del D.D.L. alle Camere e si rivolgera? a studenti e cittadini con iniziative in tutta la citta?!
A partire da domani ogni sera alle ore 18.00 avra? luogo un’assemblea in sala Florio che ci permettera? di fare il punto sulla situazione nazionale e sull’avanzamento dei nostri lavori.





Foto: http://osservaud.altervista.org

Lascia un commento

560