Vandalismo al liceo, pagano gli studenti

stellini.jpgChi rompe paga: un concetto che ora viene insegnato anche a scuola. Dopo i vandalismi nei bagni del liceo classico “Jacopo Stellini” di Udine i vertici dell’istituto hanno deciso di darci un taglio.
Gli episodi si ripetono e la scuola, a scopo educativo, decide di ripartire tra gli studenti le spese, pochi euro ciascuno, per le riparazioni. Per tre volte dall’inizio dell’anno scolastico i servizi igienici dell’istituto sono stati intasati, anche con lattine di bibite. «Secondo quanto e’ emerso dalle verifiche tecniche – spiega la preside, Anna Maria Germini – sono stati gesti intenzionali. Il costo complessivo delle riparazioni è giunto a quasi tremila euro, un onere non da poco per la scuola».

Nel primo caso, il consiglio d’istituto, rappresentanti degli studenti compresi, ha stabilito che le spese per le riparazioni dovevano essere suddivise tra tutti gli studenti. «Le direttive del ministero – ricorda la preside – sono chiare: gli atti di vandalismo e di bullismo vanno repressi e, quando non si trovano i colpevoli, gli stessi studenti, a fine educativo, devono farsene carico». La stragrande maggioranza degli allievi ha pagato, qualche genitore non è stato d’accordo.

(Foto Anteprima)

facebook
1.807