Bearzi

Varvuole a Grado

grado2.jpg

Sabato 5 gennaio, al tramonto, lo spettacolo arriva dal mare: dopo l’annuncio dell’araldo, dalla nebbia ecco spuntare le Varvuole a bordo delle “batele”, le tipiche imbarcazioni lagunari. Nei loro cappotti di rete, tra grida agghiaccianti e vorticosi balli, le streghe arrivano sulla terraferma con un solo obiettivo: portare via i bambini cattivi. Si tratta di una rievocazione di un’antichissima leggenda che affonda le radici nella storia, al tempo delle scorrerie dei bellicosi Uscocchi, i pirati provenienti dalle coste balcaniche, che la fantasia popolare nel corso dei secoli ha trasformato in streghe marine denominate Varvuole.

facebook

Lascia un commento

931