Telegram

Venerdì 22 gennaio, alle ore 17, nel salone del Consiglio di palazzo Belgrado.

Presentazione della versione in marilenghe della Divina Commedia di Dante Alighieri.
Venerdì 22 gennaio, alle ore 17, nel salone del Consiglio di palazzo Belgrado.

Il lavoro è stato realizzato dal traduttore Aurelio Venuti, per i tipi di Kappa Vu.

Note dal tradutôr:

Tradusi la Divine Comedie in tierçe rime e pues someâ imprese al limit dal pussibil e fûr di ogni oportunitât, ma e je imprese dal sigûr emozionant, se par dute la vite si à studiât Dante, il so mont, la sô opare, la esegjesi di siet secui; se si ten cont de atualitât dal so insegnament morâl e civîl, e de espression poetiche che nissun al è stât bon di stâi a pâr.
Par tradusi un poete bisugne identificâsi cun lui, bisugne calâsi te sô realtât, te sô anime. Par scomençâ Dante si domandave: cuâl volgâr? Plui che naturâl che, scartadis lis lenghis che si fevelavin ator pe Italie, al judicàs il florentin superiôr a dutis: chê e jere la sô marilenghe e ta chê al veve produsût e al produseve une grande cuantitât di rimis e di scrits che a varessin costituît il banc di prove de Comedie. Florence, amade e odeade insiemi, no podeve bastâ par esprimi il mont complès de Comedie e alore la ricercje linguistiche si slargje a dute la Toscane, a chês altris regjons talianis, a l’Europe, a lis leteraturis bielzà svilupadis, come chê provençâl e chê francese; Brunetto Latini, l’inteletuâl di riferiment pai florentins dal timp e spes considerât mestri di Dante, al à scrit oparis in volgâr talian e in volgâr francês; Dante al dediche la conclusion dal cjant XXVI dal Purgatori al poete Arnaud Daniel, doprant ancje lui il provençâl. Simpri presint te Comedie il latin, classic e medievâl; no mancjin peraulis mutuadis dal arap, dal spagnûl, dal todesc, dal slâf.
Il volgâr toscan al jere un magme in ebolizion e tancj a cirivin di dâi arzins e direzion, ma chel al esondave di ogni bande par vie di une vitalitât incontenibil: ce che al sucêt in dì di vuê al furlan. Dome pensant a la normalizazion ortografiche, in chescj ultins trente, cuarante agns, a’ndi son viodudis tantis, e no si pues dî che il procès al sedi rivât a regulis universalmentri condividudis, nancje tal Friûl centrâl. Chel che al somee un limit de marilenghe, la grande varietât di formis, di lessic e di struturis di zone in zone, di paîs in paîs, ancje se a son simpri mancul chei che a fevelin e chei che a scrivin par furlan, al costituìs une ricjece e al pues deventâ il pivot de sorevivence. Tal mildusinte e miltresinte, il volgâr di ogni bande d’Italie al someave sul pont di aburtî, scjafoiât dal latin fevelât e scrît de classe dominante e de glesie; ma al à podût imponisi ancje par merit di oparis come la Comedie. No si pues escludi che traduzions di cheste – e a’nd è aromai une vore – a zovin ae cause dal furlan. 

Invito

Copertina del cd

Powered by WPeMatico

facebook
415