Venezia olimpica nel 2020?

venezia-punta_della_doganaIl Sindaco di Venezia Massimo Cacciari apre la porta a un’affascinante ipotesi: candidare Venezia e l’area metropolitana del Nordest a ospitare l’evento a cinque cerchi nel 2020. servizio asca

Con la decisione del Congresso CIO a Copenhagen si apre, dunque, di fatto la corsa ai XXXII Giochi Olimpici Estivi 2020, la cui sede verra’ assegnata nel 2013.

”Venezia e’ una citta’-icona unica nel mondo e gode di una riconoscibilita’ universale. Le Olimpiadi sono il piu’ grande evento internazionale e promuovere ed organizzare i Giochi nel 2020 permetterebbe alla citta’ e all’intera area metropolitana oggi rappresentata dal triangolo Venezia, Padova e Treviso di accelerare i numerosi progetti di riqualificazione e rilancio, che da anni riempiono l’agenda delle Istituzioni di questo territorio”, ha dichiarato il Sindaco Cacciari. ”Avremmo poco meno di 4 anni di lavoro per tentare di riportare in Italia le Olimpiadi a 60 anni da Roma 1960. Ritengo che possa essere opportuno valutare nel dettaglio con attenzione – insieme a Regione, Amministrazioni locali e operatori economici – la fattibilita’ infrastrutturale, la copertura finanziaria e gli aspetti organizzativi di un evento di tale portata”, ha aggiunto Cacciari.

”Il NordEst e’ il motore economico del Paese e un laboratorio di innovazione socio-culturale, oltre che la Regione che piu’ ha contribuito al medagliere olimpico italiano nelle ultime edizioni dei Giochi, a conferma del grande patrimonio sportivo della nostra terra” dice il Presidente del Veneto Giancarlo Galan, che aggiunge: ”Venezia 2020 potrebbe rappresentare un progetto strategico per lo sviluppo infrastrutturale dell’intera Regione, che potrebbe cogliere una grande occasione per esprimere e presentare al mondo intero il grande potenziale delle sue eccellenze in ogni campo”.

”L’ipotesi di candidare Venezia e con lei il NordEst ad ospitare i Giochi Estivi nel 2020 costituisce un’irripetibile opportunita’ di marketing territoriale e di promozione della nostra articolata e insuperabile offerta turistica”, ha voluto sottolineare Franco Manzato, VicePresidente e Assessore al Turismo della Regione Veneto. ”Venezia gode di una fama globale come destinazione e la candidatura stessa consentirebbe di riqualificare la ricettivita’ e l’immagine dell’intero territorio e delle sue numerose realta’ locali”, ha continuato Manzato.

”Gli imprenditori veneti hanno da tempo messo l’accento sull’esigenza di rilanciare gli investimenti e i progetti infrastrutturali per garantire la competitivita’ delle imprese del territorio e facilitare l’uscita dalla crisi attuale”, ha dichiarato Andrea Tomat, Presidente di Confindustria Veneto.

”Le nostre imprese si rendono conto che la sfida dei Giochi Olimpici a Venezia nel 2020 potrebbe fungere da catalizzatore di una serie di processi virtuosi in campo economico e di ripresa stessa di fiducia da parte dei consumatori, come insegnano le esperienze olimpiche pregresse. Ecco perche’ Confindustria Veneto appoggia l’iniziativa di avviare una seria analisi sulla candidatura”, ha concluso Tomat.

Il Gruppo di Lavoro Venezia2020 avra’ sede presso gli Uffici della Regione Veneto a Mestre e sara’ coordinato da Federico Fantini, Direttore del Master in Strategie per il Business dello Sport – organizzato dal Gruppo Benetton, in collaborazione con Universita’ Ca’ Foscari Venezia.

Venezia2020 iniziera’ a lavorare nei prossimi giorni con l’obiettivo di avviare la raccolta di dati e una serie di analisi per verificare la fattibilita’ concreta di una candidatura ufficiale di Venezia, partendo da un approccio ”intelligente, innovativo e contemporaneamente compatto, ma distribuito” allo sviluppo della piattaforma impiantistica richiesta dall’evento, puntando ad una legacy sostenibile nel tempo, sia sotto il profilo ambientale che quello economico-finanziario.

La decisione finale dovrebbe essere comunicata entro il 2010 al CONI, l’Ente che ha la responsabilita’ istituzionale di presentare al CIO l’eventuale citta’ italiana candidata e che sembra essere fortemente intenzionato a promuovere un progetto italiano per riportare la Torcia Olimpica nel nostro Paese nel 2020, come indicato anche dagli orientamenti espressi dal Governo in varie sedi ufficiali negli ultimi mesi.

Lascia un commento

510