Ferruccio Fazio: le prospettive per la sanità in FVG

fazio2
Una panoramica sulla situazione e sulle prospettive della sanità del Friuli Venezia Giulia con il viceministro alla Salute, Ferruccio Fazio, che ha definito la realtà regionale come virtuosa. Questi i contenuti dell’incontro e della visita che il rappresentante del Governo ha compiuto a Udine, all’Azienda Ospedaliero-Universitaria (AOU) Santa Maria della Misericordia, assieme al presidente della Regione, Renzo Tondo.

Una realtà caratterizzata da un basso livello di ospedalizzazione, nella quale i pazienti vengono per buona parte curati sul territorio, e che Fazio, cifre alla mano da lui stesso prodotte, ha definito di eccellenza. Una realtà che però, come ha rilevato Tondo, deve fare i conti con la crisi economica in atto. “Il Friuli Venezia Giulia – ha detto il presidente – ha un’economia che è legata allo sviluppo, e paga gli effetti della
situazione del momento in termini di gettito fiscale, che con ottimismo – ha puntualizzato Tondo – possiamo ritenere sarà ridotto, per l’anno in corso, almeno del 10 per cento”. Nonostante questo dato negativo, che si concretizzerà in mancate entrate per l’Amministrazione regionale per circa 400 milioni di euro, come ha ribadito il presidente, la sanità regionale non subirà ridimensionamenti sostanziali. E mentre la media nazionale indica mancate risorse per la sanità nel resto del Paese del 4 per cento, le assegnazioni economiche alla sanità del Friuli Venezia Giulia saranno comunque aumentate del 2,5 per cento.

fazio1

Certamente, ciò potrà accadere anche perché, come ha riconfermato
Tondo, il Friuli Venezia Giulia è una regione virtuosa, che ha
saputo creare un sistema sanitario indipendente rispetto a quello
nazionale, dandosi a partire dal 1996 un assetto sanitario
adeguato e coerente con le aspettative del cittadini.

L’Azienda Sanitario-ospedaliera Santa Maria della Misericordia di
Udine, presentata a Fazio dal direttore generale, Carlo
Favaretti, è stata definita esemplare, trattandosi del primo
caso di unificazione tra ospedale e policlinico universitario.

All’incontro con il viceministro Fazio, al quale è seguita la
visita ai reparti più avanzati della struttura ospedaliera
udinese, hanno partecipato tra gli altri l’assessore regionale
alla Salute e Protezione Sociale, Vladimir Kosic, il rettore
dell’Università di Udine, Cristiana Compagno e il presidente
dell’Organo di indirizzo dell’AOU, Aldo Gabriele Renzulli.

FONTE: ARC/Carlo Morandini

Lascia un commento

568