Bearzi

Vinitaly 2015: Fvg in mirino della contraffazione

DegustazioniRamin BahramiRamin Bahrami
“Il Friuli Venezia Giulia è una regione con marchi vitivinicoli e agroalimentari di grande attrattività commerciale e quindi particolarmente nel mirino della contraffazione: occorre lavorare per estendere le prerogative di tutela offerte dal ‘Pacchetto qualità’, che permette una protezione ‘ex officio’ dei marchi e rappresenta perciò una risposta concreta”. Lo ha affermato l’ex ministro per le Politiche agricole e attuale presidente della Commissione Ue agricoltura e sviluppo rurale Paolo De Castro, presente all’ incontro nello stand dei Consorzi del prosecco e del prosciutto di San Daniele, alla presenza del vicepresidente della Regione e assessore alle Attività produttive Sergio Bolzonello. “Con De Castro abbiamo approfondito il tema dei marchi, della lotta alla contraffazione di un ‘made in’ tra i più ambiti del mondo e per la cui tutela serve una politica europea e non di un singolo Stato. Tenteremo in tutti i modi di produrre nuovi strumenti per la difesa della produzione di qualità”, ha chiosato Bolzonello. Bolzonello ha incontrato De Castro a margine della sua relazione sul “Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti” (Ttip), l’accordo commerciale di libero scambio in corso di negoziato tra l’Ue e gli Usa. “Il tema dell’accordo è strategico”, ha affermato De Castro, invitando tutti gli assessori regionali a una maggiore mobilitazione nei rispettivi territori. Con Bolzonello, in particolare, abbiamo approfondito i temi del Friuli Venezia Giulia, come ad esempio la necessità di tutela del marchio del prosciutto di San Daniele e la possibilità di estendere le prerogative del ‘Pacchetto Qualità’ anche sul mercato degli Stati Uniti in occasione dell’accordo Transatlantico”, ha commentato De Castro.

facebook
535