Aperitivo a Grado

Adunata Nazionale Alpini a Pordenone: gli eventi collaterali

facebook

alpini pordenone

Concerti di cori e fanfare, rappresentazioni teatrali e convegni a tema. Ma anche partecipazione al Natale in città e festa per i 90 anni della sezione locale dell’Ana. Il tutto accompagnato da un logo che contraddistingue l’evento per il quale il Comitato organizzatore dell’Adunata ha dato il proprio placet. Con il passare dei giorni si sta definendo in modo sempre più dettagliato il programma delle iniziative che accompagneranno lo scandire del conto alla rovescia in vista dell’adunata nazionale degli alpini in programma il 7 e 8 maggio del 2013 a Pordenone.

Al momento tutte le iniziative già in calendario si svolgeranno al Teatro Verdi di Pordenone. Il sipario sul programma si alzerà il 21 gennaio con il concerto dell’orchestra e coro San Marco. La scelta rappresenta il giusto tributo sia ad un istituzione musicale che da 40 anni opera sul territorio pordenonese sia al Teatro sempre più centro propulsivo della cultura del Friuli occidentale. Si proseguirà poi il 22 febbraio con il concerto di un’altra istituzione, questa volta nazionale, ossia la fanfara della Brigata Alpina Julia, che si esibirà con un programma di grande fascino. Infine a marzo andrà di scena il teatro con lo spettacolo “La tragedia del Galilea”, ideato e diretto da Andrea Brugnera. La vicenda narra l’affondamento del piroscafo silurato nel canale d’Otranto da un sommergibile britannico mentre trasportava in Italia parte del Comando dell’8° Reggimento Alpini ed il Battaglione “Gemona”, di ritorno dalla campagna italo-greca del 1940-41. Nel naufragio perirono un migliaio di uomini, per la maggior parte provenienti dal Friuli, principale area di reclutamento del reparto. Due invece gli appuntamenti previsti all’Auditorium Concordia: il 18 gennaio verrà presentato il libro del Tenente Antonio Marchi, alpino pordenonese che cadde in guerra in Grecia. A febbraio, invece, si parlerà della missione svolta dai nostri militari in Afghanistan, mentre ad aprile – in piazza XX Settembre – è prevista una esibizione degli sbandieratori di Cordovado.

Tutte queste iniziative saranno accompagnate dal logo appositamente creato con la dicitura “Aspettando l’adunata”. Ma ad esse se ne potranno aggiungere anche delle altre organizzate da singole associazioni e gruppi culturali che vorranno, in questo modo, dare il proprio contributo all’animazione della città e del territorio in occasione del raduno nazionale delle penne nere. Il marchio, infatti, sta ad indicare che la manifestazione è stata approvata dal Coa e che quindi entra a pieno titolo nel novero delle attività vicine agli Alpini. Per potersi quindi fregiare del marchio da apporre ai manifesti dell’iniziativa, è necessario rivolgersi al comitato organizzatore che si trova a Pordenone nella sede dell’Ana di Torre in vial Grande, oppure contattarlo all’indirizzo mail: info@adunatapn2014.it

“ll programma – come spiega il presidente dell’Ana di Pordenone Giovanni Gasparet – ha come obiettivo quello di coinvolgere la Città ospitante ed il territorio pordenonese nei mesi precedenti l’Adunata 2014. Vivremo quindi una vera e propria “stagione culturale” parallela, incentrata sulla storia del Corpo degli Alpini. Gli appuntamenti sono indirizzati non solo al pubblico delle penne nere, ma hanno l’obiettivo di coinvolgere tutta la cittadinanza e i pordenonesi residenti in provincia”.

576