Autoerotismo con giocattolo bimba, condannata baby sitter

videosorveglianza
Controlla casualmente le immagini dell’impianto di video-sorveglianza dell’abitazione e scopre che la baby-sitter alla quale aveva affidato la figlia di tre anni ha compiuto atti di auto-erotismo utilizzando un aspirapolvere giocattolo della bimba. Una pratica condotta autonomamente e in alcun modo senza coinvolgere la piccola. E’ accaduto nel Pordenonese. Al processo che ne è seguito, la donna, sudamericana, è stata condannata a un anno con la condizionale per corruzione di minori.

Ad accorgersi dell’episodio è stato il padre della bambina, che ha denunciato la donna ai Carabinieri, ed ha licenziato la baby sitter. Nel filmato, si nota la giovane sudamericana compiere atti di auto-erotismo con l’aspirapolvere giocattolo della bimba. La baby sitter – come riportano i quotidiani locali Il Gazzettino e il Messaggero Veneto – in sede giudiziaria ha patteggiato un anno di pena, con il beneficio della sospensione condizionale. La bambina non si è accorta di nulla e non è stata coinvolta.

(ANSA)

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
2,878