Aperitivo a Grado
facebook

Cine20_1

Cine20 lo potete leggere tutti i giovedì ed è curata da Matteo “Weltall” Soi dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com e dal blogger-seriale Kusa direttamente da lavitaenientaltro.com. Una coppia inedita disposta a tutto pur di mettere la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazia da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Detto questo, andiamo a cominciare.

.

Brevemente in sala.

.

L’AGENZIA DEI BUGIARDI
di Volfango de Biasi.

.
La bugia per professione. E’ quello che fanno Fred, Diego e Paolo nella loro agenzia che costruisce efficaci alibi ai propri clienti incapaci di affrontare e dire la verità. La loro capacità di mentire e costruire efficaci bugie verrà messa a dura prova quando Fred si innamorerà della figlia di un suo cliente colpevole di qualche scappatella di troppo.
ATTESA WELTALL 0%
.
Remake di una pellicola francese, l’idea dell’alibi su commissione non e’ affatto male. Ma non ci montiamo la testa pero’.
ATTESA KUSA 0%

.

GLASS
di M. Night Shyamalan

.
Personalmente primo attesissimo film di questo 2019, Glass chiude una inattesa (alla fine di Split, chi se lo aspettava?) trilogia sulla personalissima visione di Shyamalan sui supereroi. Torna David Dunn, torna la Bestia ma soprattutto torna l’ Uomo di Vetro, geniale e folle mastermind. Le critiche oltreoceano non sono lusinghiere ma a suo tempo neanche Unbreakable fu capito e apprezzato nonostante, con gli anni, sia invecchiato decisamente meglio de Il Sesto Senso.
ATTESA WELTALL 90%
.
Condivido l’entusiasmo per il terzo capitolo della trilogia supereroica di M. Shyamalan, preannunciata dal finale a sorpresa di Split. Se poi oltre ai tre noti protagonisti si aggiunge anche la presenza di Sarah Paulson nel ruolo della psichiatra specializzata in persone che si credono supereroi, e il ritorno gradito di Anya Taylor-Joy, co-protagonista di Split con McAvoy, direi che siamo decisamente al film della settimana, e si spera di poterlo includere anche nella classifica dell’anno.
ATTESA KUSA 80%

.

MARIA, REGINA DI SCOZIA (Mary, Queen of Scots)
di Jusie Rourke

.
Due delle migliori attrici della loro generazione, Saoirse Ronan e Margot Robbie, interpretano qui le regine Mary Stuart e Elisabetta I, in un film in cui si contrappongono alternando rispetto reciproco e rivalità, mentre la prima reclama il trono inglese alla seconda.
ATTESA WELTALL 60%
.
Non esattamente materia nuova, quella del conflitto tra la due cugine per il trono d’Inghilterra, ma sicuramente meritevole di una visione, viste anche le due protagoniste in gioco. Ed essendo Saoirse la protagonista ufficiale, il ruolo della “cattiva” spettera’ ad una Margot Robbie debitamente imbruttita per l’occasione, per sfigurare anche fisicamente nei confronti della sua antagonista.
ATTESA KUSA 70%

.

MIA E IL LEONE BIANCO (Mia et le lion blanc)
di Gilles de Maistre

.
Storia ricca di buoni sentimenti per questo film francese che ha come protagonista una bambina, Mia, ed un cucciolo di leone bianco nato nell’allevamento del padre in Sud Africa. Quando il padre deciderà di vendere il leone ormai adulto a dei bracconieri, Mia fuggirà con l’animale per raggiungere una riserva in cui possa vivere libero dal giogo dell’uomo.
ATTESA WELTALL 0%
.
Un leone bianco mi ricorda un romanzo che ho letto nella mia adolescenza, I bianchi leoni di Timbavati. Ma tutto il mio interesse per la pellicola francese inizia e finisce con questo tocco di nostalgia.
ATTESA KUSA 0%

.
.

790