Aperitivo a Grado
facebook

Cine20_1

Cine20 lo potete leggere tutti i giovedì ed è curata da Matteo “Weltall” Soi dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com e dal blogger-seriale Kusa direttamente da lavitaenientaltro.com. Una coppia inedita disposta a tutto pur di mettere la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazia da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Detto questo, andiamo a cominciare.

.

Brevemente in sala.

.

AFTER
di Jenny Cage

.
Direttamente da una serie di romanzi di cui, giustamente, ci importa pochissimo, arriva la trasposizione cinematografiche di cui, se vogliamo, ci importa anche meno. Protagonista Tessa, ottima studentessa, figlia modello e felicemente fidanzata, vede tutta la sua vita e le sue prospettive ribaltate quando conosce Scott ragazzo ribelle che bla bla bla bla bla bla. Ci siamo capiti, no?
ATTESA WELTALL 0%
.
Fuori età e fuori target sia per i romanzi che per i film che inevitabilmente ne seguiranno, mi accodo all’entusiasmo del mio illustre collega
ATTESA KUSA 0%

.

HELLBOY
di Neil Marshall

.
Quando i film di Guillermo Del Toro dedicati al personaggio di Mike Mignola arrivarono nelle sale, non mancarono le critiche per il modo in cui la visione del regista messicano si allontanava dall’opera originale. Ma quella stessa visione era così personale e unica da rendere quei film tutt’altro che deprecabili. Messa una pietra sopra su un Hellboy 3 che non vedremo mai, eccoci che sulla scia del momento d’oro dei cinecomics ad Hellboy viene concessa la possibilità di un reboot affidato a Neil Marshall che, lo ricordiamo, ci ha regalato all’inizio della sua carriera piccole grandi perle come Dogsoldier ma sopratutto The Descent. Eppure, a giudicare dal trailer, il nuovo Hellboy mette davvero poco sul tavolo per spingerci a dare fiducia a questo atteso ritorno.
ATTESA WELTALL 40%
.
Il problema della recente mania dei reboot è che in alcuni (molti…) casi hanno un senso solo commerciale, soprattutto quando chi ha gestito la prima versione aveva un tocco decisamente personale, che si rifletteva appunto in un rimaneggiamento del materiale originale ma anche in un arricchimento che una versione più fedele ma piatta non avrebbe ottenuto. Qui il regista, come fatto notare dal mio informato collega, non è di quelli da sottovalutare, anche se dopo alcuni notevoli film indipendenti negli ultimi dieci anni si è dedicato a regie televisive, seppure in serie di tutto rispetto come Trono di Spade e Westworld. Quindi interesse moderato, ma non assente
ATTESA KUSA 40%

.

QUELLO CHE I SOCIAL NON DICONO (The Cleaners)
di Hans Block, Moritz Riesewick

.
Documentario che prova ad esplorare il lato nascosto e oscuro dei social media, del come i contenuti personali che carichiamo vengono protetti o utilizzati, selezionati e censurati. Di come gli algoritmi funzionano e decidono cosa possiamo o non possiamo vedere. Sicuramente un progetto di grande interesse da recuperare in sala ma anche comodamente a casa.
ATTESA WELTALL 60%
.
Alle fine capita spesso che in assenza di valide alternative i documentari che si propongono di esplorare la realtà che ci circonda e svelarne gli aspetti oscuri sono più interessanti di qualsiasi prodotto di fiction. Anche se magari una loro visione al cinema rischia di essere un po’ dispersiva.
ATTESA KUSA 65%

.

LO SPIETATO
di Renato De Maria

.
Storia criminale del calabrese Santo Russo che in una milano in pieno boom economico cerca la sua scalata criminale per cercare una rivalsa sociale, diviso tra due donne, la moglie e l’amante che rispecchiano la natura duplice di tutta la sua vita. Gangster movie con protagonista Riccardo Scamarcio che, dopo un passaggio in sala approderà direttamente su Netflix
ATTESA WELTALL 40%
.
Confesso tutta la mia scarsa simpatia per Scamarcio attore, visto di recente proprio su Netflix anche nella bella serie di Aziz Ansari, Master of None, di cui peraltro rappresentava secondo me l’unica nota stonata. Quindi se proprio dovessi guardarlo, sarà sicuramente sulla piattaforma di streaming.
ATTESA KUSA 0%

.

WONDER PARK
di Dylan Brown

.
June, 10 anni, vive con la mamma e sogna di costruire un bellissimo luna park.. Quando la mamma si ammala gravemente June perde tutta la sua vitalità e l’interesse per il suo sogno. Lo scoprire un parco divertimenti abbandonato da tempo, ma ancora abitato dagli animali che un tempo lo popolavano, porta June a ritrovare la voglia di sognare e di ridare vita a quel luogo da tempo dimenticato. Certamente ottima opzione per i genitori che vogliono portare in sala i figli più piccoli.
ATTESA WELTALL 0%
.
Anche qui, non appartengo alla categoria adatta per la visione, quindi passo tranquillamente
ATTESA KUSA 0%

.
.
.

584