Aperitivo a Grado

Cine20_1

Cine20 lo potete leggere tutti i giovedì ed è curata da Matteo “Weltall” Soi dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com e dal blogger-seriale Kusa direttamente da lavitaenientaltro.com. Una coppia inedita disposta a tutto pur di mettere la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazia da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Detto questo, andiamo a cominciare.

.

Al cinema e non solo.

.

MY HERO ACADEMIA – THE MOVIE – TWO HEROES
di Kenji Nagasaki

.
A cosa è dovuto il grande successo di My Hero Academia?
Probabilmente alla capacità del suo autore, Kohei Hirikoshi, di cogliere la pesante eredità dei battle shonen che lo hanno preceduto (Dragon Ball, Bleach e Naruto, giusto per fare alcuni esempi) e unirla in maniera convincente al fumetto supereroistico americano.
Nel mondo di My Hero Academia infatti quasi l’ 80% della popolazione è dotata di un “Quirk”, un’unicità che conferisce a ciascuno delle particolari abilità o superpoteri. Quella del super eroe è diventata perciò una vera e propria professione che si impara fin da scuola anche perchè, dove ci sono eroi non può mancare la diretta controparte, i villain.
Il protagonista della storia Midoriya, detto Deku, desidera sin da bambino diventare un eroe ma sfortunatamente il destino ha voluto che proprio lui nascesse senza il Quirk. Questo non gli ha impedito di continuare a coltivare il suo sogno mosso da un innato coraggio e da un’infinita ammirazione per il più grande eroe di tutti i tempi, All Might.
E’ proprio quest’ultimo a vedere in Deku un enorme potenziale per diventare non soltanto un grandissimo eroe ma l’erede del suo potere che, a differenza degli altri Quirk, può essere ceduto ad un’altra persona. Deku diventa così il suo inesperto successore ed inizia il suo percorso per diventare l’eroe che ha sempre sognato di essere.
My Hero Academia The Movie – Two Heroes è il primo lungometraggio dedicato all’opera di Kohei Hirikoshi e arriva sulla scia di un manga ed un anime molto apprezzato anche qui da noi.
Divertente e spettacolare, anche grazie all’altissima qualità delle animazioni, la pellicola, che racconta naturalmente una storia totalmente originale, si propone di accontentare i fan più accaniti ma di dimostrarsi aperto e accessibile anche a chi non ha mai seguito la controparte cartacea o animata.
La formula è di quelle vincenti (per quanto stra-abusata ed incline al mero fan-service), si introducono diversi comprimari presentandone caratteristiche caratteriali e poteri dando ad ognuno un piccolo spazio durante lo svolgimento della storia, ma ci si concentra soprattutto su un nucleo ben distinto di protagonisti, Deku, All Might e la controparte costituita dal dott. Shield, amico di vecchia data proprio di All Might, e la figlia Melissa.
Ed è proprio dall’interazione di questi quattro personaggi che viene fuori il messaggio forte del film che ricalca quello dell’opera originale: a dispetto degli ostacoli che la vita ci mette davanti non bisogna mai rinunciare ai propri sogni ma lasciare che questi ci guidino sempre e ci ispirino a tirare fuori la parte migliore di noi.
GRADIMENTO WELTALL 70%

.

Brevemente in sala.

.

BENTORNATO PRESIDENTE!
di Giancarlo Fontana, Giuseppe G. Stasi

.
Seguito della pellicola del 2013  con Bisio nei panni di un improbabile e improvvisato presidente della Repubblica, che qui torna alla politica per riconquistare la donna che ama. Ogni commento e’ superfluo.
ATTESA KUSA 0%
.
In questo seguito troviamo Bisio nel ruolo di un improvvisato e improbabile Presidente del Consiglio, accompagnato da due vice-presidenti provenienti da due diversi schieramenti politici. Che strano, mi ricorda qualcosa ma ora mi sfugge.
ATTESA WELTALL 0%

.

BORDER – CREATURE DI CONFINE
di Ali Abbasi

.
Due individui fuori dagli schemi si incontrano e si studiano, scoprendo nuove verita’ su se stessi e sul mondo che li circonda. Premiato al festival di Cannes nella sezione Un Certain Regard, e’ una  roposta interessante se uno ne ha voglia. Io non particolarmente.
ATTESA KUSA 40%
.
Un film che affronta la diversità in un contesto ordinario ma quasi guardando al fantasy. Uno dei titoli della settimana per me.
ATTESA WELTALL 70%

.

CAPTIVE STATE
di Rupert Wyatt

.
In una Chicago occupata da invasori extraterrestri, i sopravvissuti si dividono tra i collaborazionisti e i ribelli. Due fratelli, separati da tempo, si ritrovano con il progetto rivoluzionario di metter fuori uso lo strumento di controllo e tracciamento degli alieni, situato in una blindatissima Sears Tower, grattacielo simbolo della citta’ e quartier generale degli alieni.
ATTESA KUSA 60%
.
Interessante invasion-movie che promette qualche gustoso sottotesto politico da non sottovalutare.
ATTESA WELTALL 60%

.

CLOSE ENEMIES – FRATELLI NEMICI (Freres Ennemis)
di David Oelhoffen

.
Due fratelli, uniti da sempre e divisi sulle due sponde opposte della legge, uno poliziotto e l’altro spacciatore. Malgrado tutte le loro differenze, capiranno di aver comunque bisogno l’uno dell’altro.
ATTESA KUSA 0%
.
Poliziesco e dramma familiare, commistione già vista nel cinema e non di scarso interesse. Ma il calendario ha già diverse alternative da offrire questa settimana.
ATTESA WELTALL 0%

.

DUMBO
di Tim Burton

.
Prosegue imperterrito il progetto della Disney di trasformare in Live Action tutti i suoi film d’animazione. E prima dell’attesissimo (si fa per dire) Re Leone, ecco arrivare l’elefantino volante, con la regia illustre di Tim Burton. Ma nulla mi convincera’ ad entrare in sala, per quelle che ritengo in generale pellicole piuttosto inutili.
ATTESA KUSA 0%
.
La Disney ormai ci ha preso gusto e tutti i suoi classici dell’animazione troveranno presto o tardi una trasposizione live-action. Grandi nomi si mettono in fila per dirigere queste pellicole e nel caso di Dumbo è Tim Burton il regista che si fa carico di questa grande responsabilità. Un regista molto amato ma che non si trova esattamente nel momento più alto della sua carriera. Fate un po’ voi.
ATTESA WELTALL 0%

.

UNA GIUSTA CAUSA (On the Basis of Sex)
di Mimi Leder

.
Biografia di RBG, ovvero Ruth Bader Ginsberg, che fin dall’inizio della sua carriera da avvocato si battè per la parità dei diritti delle donne sul lavoro e contro la discriminazione di genere. Una luminosa carriera all’insegna della lotta per i diritti civili, che l’ha portata a diventare nel 1993 uno dei giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti, nonchè un icona della cultura popolare americana, a cui quest’anno e’ stato pure dedicato un documentario,  candidato all’Oscar nella categoria.  Intepretato da Felicity Jones e Arnie Hammer, la pellicola di Mimi Leder per me è senz’altro il film della settimana.
ATTESA KUSA 70%
.
Pur non condividendo lo stesso entusiasmo del mio illustre collega, le tematiche attualissime rendono Una Giusta Causa un film da tenere in considerazione.
ATTESA WELTALL 55%

.
.
.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
394