Aperitivo a Grado

Palmanova: scritta razzista sulle panchine dei Bastioni

“Palmanova, città accogliente e tollerante, non si riconosce in questa scritta che deve essere denunciata con la massima decisione”. Questa la prima reazione del primo cittadino di Palmanova Francesco Martines alla notizia della scritta razzista comparsa su una delle panchine installate di fronte alle Gallerie di Contromina, tra Porta Udine e Porta Cividale.

Sabato pomeriggio, indicativamente tra le 12 e le 16, sconosciuti hanno scritto con un pennarello “Profughi ai forni”, seguito da una svastica.

“Che sia un piccolo o un grande gesto, è nostro dovere dissociarci da queste affermazioni che puntano solo ad alimentare un clima di crescente odio e intolleranza. Inneggiare ai tragici fatti avvenuti ad Auschwitz, o alla più vicina Risiera di San Sabba, ricordare i forni crematori che il regime nazzista ha attivato per sterminare una razza nei giorni delle manifestazioni per gli 80 anni della proclamazione a Trieste delle Leggi Razziali, è intollerabile e non può farci rimanere in silenzio” continua il Sindaco.

La scritta è stata prontamente rimossa tramite abrasione del legno.

Palmanova accoglie 47 richiedenti asilo e non sono mai stati registrati fatti negativi di cronaca. “I ragazzi accolti in città sono anche stati impegnati in volontari lavori di pubblica utilità, dalla cura del verde a piccole manutenzioni. Questa scelta dell’amministrazione ha permesso di gestire nel migliore dei modi il fenomeno migratorio, favorendo l’integrazione e il positivo accoglimento dei richiedenti asilo da parte dei palmarini” conclude il Sindaco.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
960