Aperitivo a Grado
facebook

radioheadDopo tante voci e indiscrezioni, i Radiohead hanno annunciato il loro tour italiano. La notizia arriva direttamente dai microfoni di Radio 2. Durante la trasmissione “Moby Dick” la conduttrice Silvia Boschero ha infatti letto un comunicato ufficiale che conferma le date: Thom Yorke e compagni saranno nel nostro paese tra la fine di giugno e la prima settimana di luglio 2012 per quattro concerti. Le città scelte dalla band di Oxford sarebbero Udine, Bologna, Firenze e Roma.

PRENOTA UNA STANZA A UDINE – BOOK A ROOM IN UDINE – BUCHEN SIE IHR ZIMMER IN UDINE

E’ stato presentato il 18 novembre 2011 il richiestissimo tour europeo dei RADIOHEAD, uno degli appuntamenti più attesi della prossima stagione musicale, che conferma il Friuli Venezia Giulia ai vertici nazionali nell’organizzazione dei più importanti concerti, in grado di richiamare migliaia di spettatori da tutta Europa, producendo notevoli ritorni in termini di flussi turistici, già nel breve periodo, e di publicity a livello nazionale e soprattutto internazionale.

A quattro anni di distanza dal travolgente successo – 36mila biglietti venduti in pochissimi giorni – dei loro live a Milano, i RADIOHEAD hanno scelto l’Italia come prima tappa dell’attesissimo tour europeo e hanno deciso di regalare ai loro fan italiani quattro imperdibili appuntamenti, prodotti da Vivo Concerti, in alcune delle cornici più suggestive del nostro paese.

I RADIOHEAD questa volta hanno premiato il pubblico italiano: infatti il nostro Paese sarà quello che ospiterà più date nel loro tour europeo. La prima sarà sabato 30 giugno a Roma all’Ippodromo delle Capannelle, mentre il giorno successivo la band suonerà al Parco delle Cascine nel cuore di Firenze. Martedì 3 luglio sarà la volta di Bologna, dove i RADIOHEAD si esibiranno in Piazza Maggiore, il tour italiano si concluderà mercoledì 4 luglio nel maestoso complesso di Villa Manin, a Codroipo (Udine), uno dei più importanti monumenti artistici italiani.

Per il sensazionale concerto dei RADIOHEAD, organizzato da Vivo Concerti in collaborazione con Azalea Promotion, la Regione Friuli Venezia Giulia, l’Azienda Speciale Villa Manin e l’Agenzia TurismoFVG, sono previsti fan da tutto l’Est europeo grazie anche al supporto di “Music&Live”, l’affermato sistema di promozione, sviluppato dall’Agenzia TurismoFVG, che permette di dare alla ricettività del territorio un elevato numero di clienti, promuovendo la conoscenza della regione, delle strutture turistiche e del complesso dell’offerta ricettiva.

In 8 album e quasi 20 anni di carriera i RADIOHEAD hanno fuso il rock alternativo all’art rock, l’elettronica al punk, il pop alla psichedelia, diventando una delle band più influenti – per critici, musicisti e pubblico – degli ultimi decenni.

Grazie a ritmi elettronici, alla particolare voce di Thom Yorke  e a testi visionari, la band di Oxford ha creato  una colonna sonora ideale per gli ultimi anni, mettendo in musica il desiderio di fuga, la necessità di perdere sé stessi, l’alienazione e  la spersonalizzazione causati dalla tecnologia e dalle convenzioni della  società contemporanea. Ma i RADIOHEAD, pur rimanendo dei sognatori, non hanno mai perso di vista la realtà, producendo testi politici e schierandosi spesso apertamente e personalmente dalla parte di chi protesta.

Allergici alle regole del mercato e del marketing musicale, la band ha fatto spesso scelte anticommerciali, imponendo brusche variazioni ad un sound già carico di dettagli sperimentali: questo non gli ha impedito però di vendere più di  25 milioni di dischi, e collezionare premi e riconoscimenti, tra cui 3 Grammy Awards, 1 Ivor Novello, e 3 Q Awards.

Thom Yorke (voce), Jonny Greenwood, Ed O’ Brien (chitarre), Colin Greenwood (basso) e Phil Selway (batteria) debuttano sotto il nome di RADIOHEAD nel 1993 con l’album Pablo Honey, che, trascinato dal singolo Creep, ottiene un buon successo commerciale.  Ma è nel 1997, con l’uscita di Ok Computer, che i RADIOHEAD raggiungono la fama internazionale, debuttando direttamente in testa alle classifiche nel Regno Unito.
Diventati vere e proprie star della musica mondiale, i RADIOHEAD spiazzano il pubblico registrando contemporaneamente e pubblicando a breve distanza due album speculari come Kid A (2000) e Amnesiac (2001): disco difficile e duro il primo, più accessibile e melodico il secondo.
Dopo Hail to the Thief (2003), nel 2007 è la volta di In Rainbows, con il quale i RADIOHEAD  causano un vero e proprio terremoto nel mercato musicale.
Il loro settimo lavoro di studio viene infatti pubblicato quasi all’improvviso con un comunicato sul sito e distribuito con l’innovativa formula “pay as you like”: ognuno è libero di scaricare il disco pagando quanto ritiene più opportuno, anche nulla.
La sfida del gruppo al mercato musicale continua anche con The King of Limbs (2010) rilasciato dapprima solo digitalmente e poi sotto forma di disco fisico. A quest’ultimo segue, qualche mese dopo, la versione remix “TKOL RMX 123456”, pubblicata prima solo in vinile, e poi in digitale, e lanciata dalla band inglese con un evento in streaming mondiale.

L’occasione di vedere dal vivo il gruppo che sta cambiando le regole del rock è imperdibile: appuntamento dunque nella suggestiva cornice storica di Villa Manin a Codroipo il prossimo 4 luglio.

Maggiori informazioni sui prezzi dei biglietti e i circuiti di vendita saranno diffuse a brevissimo sui siti vivoconcerti.com e azalea.it.

511