Aperitivo a Grado

Sondaggi geodiagnostici notturni in A4

facebook

autovie
Indagini georadar notturne sulla A4, nel tratto compreso tra Palmanova e il nodo con il raccordo autostradale Villesse Gorizia. Il rilevamento, effettuato con appositi strumenti, “legge” in profondità, la morfologia del terreno e consente di controllare la presenza di eventuali cedimenti, cavità o dissesti. Questo tipo di controlli vengono effettuati ogni qualvolta si va a intervenire “sotto” l’asfalto per verificarne le condizioni. In questo caso, i sondaggi geodiagnostici, sono stati effettuati in seguito allo spostamento del metanodotto della Snam, necessario per consentire i lavori di adeguamento a sezione autostradale del raccordo Villesse – Gorizia. All’altezza dell’Ikea, infatti, il metanodotto attraversa l’autostrada. Le indagini, che hanno richiesto la chiusura in entrata dello svincolo di Villesse in direzione Venezia e in uscita di quello in direzione Trieste, sono state condotte con il georadar, uno strumento che funziona a onde radio e raggiunge i dieci metri di profondità (il metanodotto “corre” a 8 metri sotto l’asfalto). Composto da un radar mobile e da una postazione carellata con monitor e tastiera, il georadar percorre prima longitudinalmente e poi trasversalmente il manto stradale, emettendo un impulso ogni 14 millimetri che riceve un eco di ritorno. I dati, elaborati e confrontati con analoghe informazioni raccolte sullo stesso tratto prima dei lavori di perforazione, consentono di verificare eventuali anomalie e, se necessario, di intervenire tempestivamente prima che si formino cedimenti o cavità. Le operazioni, che hanno visto impegnati, oltre al personale di Autovie, due geologi della Gea di Monfalcone e una pattuglia della Polstrada di Palmanova, sono iniziate alle 21,45 con il posizionamento dei segnali e la chiusura della corsia di sorpasso in direzione Ts, per poi proseguire con la chiusura della corsia di marcia e dello svincolo in uscita per Villesse. Terminata la prima fase, intorno alla mezzanotte, è stato interessato il lato opposto della carreggiata, con le stesse modalità di intervento.

324