Conte: “Verbali Cts? Sarà tutto pubblicato” 

Il lockdown è servito per “mettere in sicurezza il Paese” e “sono orgoglioso” di averlo fatto. Lo ha affermato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Ceglie Messapica, nel corso di un’intervista con il direttore di ‘Affaritaliani.it’, Angelo Maria Perrino, nell’ambito dell’evento ‘La Piazza’. Il premier ha toccato diversi argomenti, dai verbali riservati del Cts, fino al Sud e al ponte sullo Stretto di Messina, che potrebbe essere anche “sottomarino”. 

“I singoli Dpcm – ha aggiunto il premier – li abbiamo assunti sempre avendo a base le valutazioni degli esperti, con grande condivisione da parte di tutti i ministri, con grande condivisione anche di tutti i presidenti di Regione. Quindi le decisioni le abbiamo prese con grande responsabilità, con grande ponderazione e anche con il senno di poi non abbiamo molto da rimproverarci”.  

VERBALI CTS – “E’ giusto che i verbali” del Cts “siano riservati”, ma “tutto verrà pubblicato”, perché il governo “non ha nulla da nascondere”, ha continuato Conte parlando dei verbali del Comitato tecnico-scientifico. 

“Verbali riservati – ha spiegato Conte – non significa secretati, io non ho posto nessun segreto di Stato, a distanza di un po’ di tempo è giusto che vengano divulgati, è giusto che si facciano tutte le valutazioni possibili e immaginabili e insieme a tutto il governo consentiremo la pubblicazione di tutto, non abbiamo nulla da nascondere”.  

Mentre sulla vicenda delle zone rosse di Nembro e Alzano “è una sonora sciocchezza che ho detto il falso ai pubblici ministeri che mi hanno sentito come persona informata sui fatti”. 

“A cena con Salvini e Fontana preferirei Meloni e Zaia” 

PONTE SULLO STRETTO – Il ponte sullo stretto di Messina? “Dobbiamo pensare, quando si realizzeranno le condizioni, a un miracolo di ingegneria, dovrà essere una struttura ecosostenibile, leggera, assolutamente compatibile con il territorio, tutelare l’ambiente e nel caso, perché no, essere anche una struttura sottomarina. Ci stiamo pensando, tutte le ipotesi sono aperte, ma lo faremo a tempo debito”. Ma prima, avverte Conte, deve essere realizzata l’alta velocità: “Non posso dire ‘faremo il Ponte’ – ha spiegato ancora -, prima dobbiamo realizzare l’alta velocità di rete fino a Reggio Calabria e poi in tutta la Sicilia, ma sicuramente dobbiamo porci il problema di questo collegamento. Nel mondo ci sono miracoli di ingegneria, ne abbiamo realizzato uno che tutto il mondo ci sta invidiando, è a Genova, un ponte aperto che si libra sul mare”. 

TAGLIO PARLAMENTARI – “Non vorrei influenzare, però non so non essere trasparente, voterò a favore del taglio dei parlamentari”, ha risposto a proposito del prossimo referendum. 

LEGGE ELETTORALE – “Sarebbe eccentrico e particolare se il presidente del Consiglio, sostenuto da forze di maggioranza che concordato una riforma della legge elettorale in senso proporzionale, sostenga il contrario. Mi auguro – ha spiegato il premier – che continui il dialogo tra le forze di maggioranza, anche perchè quella riforma elettorale si collega alla prospettiva della riforma costituzionale e quindi completerebbe un quadro. Si pone un problema di rappresentanza politica, quindi mi auguro che il dialogo si finalizzi”.  

CORONAVIRUS – “Istituire una commissione di inchiesta” sulla gestione dell’emergenza coronavirus “è una prerogativa del Parlamento. Quindi il Parlamento farà le proprie valutazioni, di solito le commissioni di inchiesta si fanno quando termina l’emergenza”, ha aggiunto Conte. “Non abbiamo la palla di vetro sulla nuova ondata” di covid, “non lo possiamo prevedere, mi par di capire che neppure gli scienziati lo possono prevedere. Quel che sta in noi è rispettare queste minime regole precauzionali”, ha spiegato. “Speriamo” entro l’anno di avere il vaccino contro il coronavirus, che “non penso” debba essere “obbligatorio”, ha aggiunto il premier. 

“In questi giorni c’è un dibattito” sul lockdown. Tra il 7 e l’8 marzo, di fronte “ai trasferimenti significativi da Nord a Sud, gli elementi di valutazione nel giro di poche ore sono cambiati notevolmente. Con il concorso della richiesta di tutti i presidente di Regione, abbiamo ritenuto che fosse prioritario mettere in sicurezza il Sud, che significava mettere in sicurezza il Paese”, ha affermato il presidente del Consiglio. 

“Non avremmo mai potuto – ha aggiunto il premier – affrontare contemporaneamente la situazione pandemica che avevamo drammatica al Nord anche al Sud. Abbiamo messo in sicurezza il Paese, se devo rispondere di questo sono orgoglioso di averlo fatto”.  

Nella gestione dell’emergenza coronavirus “ha funzionato molto il dialogo tra governo nazionale e governo territoriale, è stata la chiave del modello italiano. Ha funzionato perché – ha spiegato Conte – le persone e i rappresentanti delle istituzioni hanno messo da parte polemiche e hanno dialogato costantemente. Non è garantito che questo possa avvenire anche per il futuro, quindi qualche accorgimento in più andrebbe preso, ma a tempo debito”. 

MIGRANTI – “Dire che il ministro Di Maio sia salviniano significa fargli torto, ma non perché Salvini sia una persona spregevole, ma semplicemente perché la posizione del governo e del ministro Di Maio è molto articolata, non si riduce allo schema porto aperto, porto chiuso. E’ la posizione di chi si rende conto che non è accettabile che ci siano questi flussi migratori in modo indiscriminato, anche perché non posso chiedere il sacrificio agli italiani e poi tollerare che arrivano migranti addirittura positivi e che vadano in giro liberamente”, ha sottolineatoil presidente del Consiglio parlando di sbarchi e migranti. 

GOVERNO – Per “il bilancio personale vorrei aspettare di uscire dalla pandemia. Per l’Italia lo stanno facendo tanti organi di stampa internazionali, i più importanti al mondo, e mi sembra di poter dire che è un bilancio sempre positivo”, ha continuato Conte rispondendo ad Angelo Maria Perrino. “Quando valutiamo l’operato dei ministri, teniamo conto che nessun ministro ha affrontato per le questioni di propria competenza un’emergenza simile dal dopoguerra ad oggi. Sono molto soddisfatto” di tutti. 

L’orizzone del governo, ha continuato, “è senz’altro quello di fine legislatura, l’orizzonte naturale per poter realizzare un programma di governo”. Sulle prospettive personali “non mi vedo, terminato questo incarico, ritornare privato cittadino, ma questo -ha ribadito il premier- non significa voler fare un mio partito”. E su un’eventuale iscrizione al Movimento 5 stelle, “il ruolo che ho, e che avverto con grande responsabilità, nel dialogo con tutte le forze politiche che sostengono la maggioranza, è di orientare il confronto per l’interesse generale. Vedo questa mia vocazione, orientare le forze verso l’interesse generale, lo farò sempre con spirito di servizio”.  

SUD – Che il governo, anche con il decreto legge agosto, privilegi gli interventi al Sud è “una sciocchezza”, ha continuato il premier, spiegando che la decontribuzione sarà “strutturale”, ma “è una misura di riequilibrio” che nel tempo andrà ridotta. “Se riparte il Sud, riparte l’Italia”.  

UE – Con il piano di rilancio per l’utilizzo dei fondi Ue “vogliamo sorprendere l’Europa e correre come gli altri Paesi”, ha affermato Conte. “Abbiamo fatto un grande sforzo per la tenuta del sistema produttivo e sociale e i dati Istat degli ultimi mesi segnalano che c’è una ripresa in Italia più significativa di quella che era attesa, per alcuni aspetti migliore rispetto a quella di Paesi come Germania, Francia e Spagna. Siamo ancora all’inizio, non è ancora un dato che può avere un valore sistemico, però – sottolinea Conte – preservare il tessuto produttivo e l’impianto occupazionale significa che si può correre prima e più velocemente e molte delle misure adottate hanno anche un grande impato in prospettiva, sono anche investimenti”. 

RU486 – La decisione sull’utilizzo della RU486, ha spiegato Conte, “è stata del ministro Speranza, non ci siamo consultati. Credo che l’imporante sia che in questi casi ci sia un’assistenza sanitaria adeguata anche con supporto psicologico adeguato”.  

TLC – “Occorre una rete unica, ne abbiamo parlato con Tim e gli altri operatori. Vogliamo un progetto unico, vogliamo coinvolgere tutti gli operatori, vogliamo realizzarlo nel giro di qualche anno, non possiamo più attendere. Siamo determinati, abbiamo le idee chiare, confido che le trattative di queste settimane si traducano entro la fine di questo mese nella definizione molto chiara di questo percorso”, ha affermato ancora il premier. 

5G – Sul 5G “siamo aperti, ma non siamo aperti a dire scegliamo la Cina, scegliamo gli Stati Uniti. Gli Stati Uniti sono il nostro tradizionale alleato, c’è una sinergia incredibile, ovviamente lavoriamo in un’economia di mercato. Faremo in modo che chiunque – ha assicurato Conte – sia chiamato a dare un contributo al 5G lo faccia alla luce delle nostre esigenze di sicurezza e protezione e nazionale. Tutto il mondo, tutti gli specialisti hanno riconosciuto che ci siamo dotati di un sistema di golden power, di sicurezza nazionale sul piano cibernetico tra i più sofisticati, quindi procediamo spediti e sereni”.  

Powered by WPeMatico

214