Costi politica: Friuli, indagato assessore alla cultura per rimborsi, si dimette

torrentiNon si finisce mai di scavare. Magari l’inchiesta sarà archiviata con un nulla di fatto ma intanto l’assessore alla cultura del Friuli Venezia Giulia, Gianni Torrenti si torva nelle condizioni di indagato per presunte irregolarità amministrative. L’inchiesta è relativa a un rimborso di cui avrebbe beneficiato l’associazione ‘Spaesati’ nel 2011, di cui Torrenti era presidente.
L’assessore Torrenti ha avuto il buon gusto di rimettere il mandato ha rimesso il mandat nelle mani della presidente Debora Serracchiani. La presidente del Friuli Venezia Giulia ha accettato le dimissioni ma ha avocato a sé le deleghe in attesa che venga fatta chiarezza sulla vicenda da parte della procura triestina. L’inchiesta è relativa a un rimborso di cui avrebbe beneficiato l’associazione ‘Spaesati’ nel 2011, di cui Torrenti era presidente.

“Poiché ritengo che il fatto sia di una sua intrinseca gravità ho deciso di avocare alla presidenza le deleghe dell’assessore alla Cultura”. E’ il commento della presidente della Regione Fvg Debora Serracchiani alla notizia di una indagine a carico dell’assessore alla Cultura della sua Giunta. “Da una prima ricognizione – osserva – emerge che non è stato arrecato alcun danno all’amministrazione regionale, e che si tratta di eventi antecedenti all’assunzione della carica”.

328