Cucine da Incubo a Muggia

Lunedì 1 aprile, nella prima serata di Nove: è questo l’appuntamento con la tanto attesa messa in onda della puntata muggesana di “Cucine da Incubo”.

Ormai alla sua settima stagione, il programma è ripartito, da lunedì 18 marzo scorso, con la programmazione delle 5 puntate di questa nuova edizione che vedranno lo Chef Antonino Cannavacciuolo viaggiare da Nord a Sud della Penisola, partendo dalla Lombardia per continuare in Friuli Venezia Giulia, Toscana, Lazio e Puglia.

E proprio Muggia, per quanto riguarda il Friuli Venezia Giulia, è stata la protagonista di questa nuova esperienza televisiva: il 2019 muggesano si era aperto, infatti, con una nuova collaborazione con la Friuli Venezia Giulia Film Commission e la Società di produzione televisiva Endemol Shine Italy S.p.a., che avevano realizzato nella città istroveneta le riprese televisive per una puntata di “Cucine da incubo”.

Basato sul programma britannico “Ramsay’s Kitchen Nightmares”, la versione italiana vede lo chef Cannavacciuolo impegnato nel compito di aiutare i ristoranti in crisi per scongiurarne il rischio di chiusura.

Il programma si divide in varie fasi: in un primo momento lo chef ispeziona il ristorante nel suo aspetto estetico (arredamento e insegne), igienico (sala e cucina) e soprattutto per la qualità delle portate proposte. Poi osserva il comportamento dello staff durante il servizio serale per individuare gli errori commessi. Infine vi è il restyling del locale e in alcuni casi della cucina, compresa la scelta dei piatti.

Dopo aver ideato un menù consono alla situazione, Cannavacciuolo illustra, passo per passo, una o più ricette, oltre che allo chef del ristorante, anche ai telespettatori.

Infine viene mostrato il rilancio del ristorante, durante il quale lo chef osserva nuovamente come lo staff lavora, correggendone, se necessario, le sbavature.

“Siamo stati felici di poter riavere lo chef Cannavacciuolo nella nostra splendida Muggia” ha commentato il Sindaco Laura Marzi. “Ci hanno comunicato che la puntata muggesana di “O mare Mio” ha avuto un significativo riscontro e ne siamo orgogliosi. Ci auguriamo che anche “Cucine da incubo” possa raccogliere lo stesso apprezzamento”. 

Muggia è sempre più apprezzata, quindi, da produzioni che rappresentano delle innegabili opportunità di promozione del territorio. È indiscutibile, infatti, che tutti questi progetti siano “sicuramente una preziosa occasione per la nostra città e siamo lieti e orgogliosi che la nostra città sia stata scelta anche per questa nuova produzione” ha evidenziato il Sindaco Laura Marzi.  “Stiamo lavorando alacremente per promuovere Muggia in ogni modo possibile, cercando e cogliendo al volo ogni opportunità che anche dal mercato televisivo, cinematografico e musicale possa essere fatta nostra perché siamo convinti che la promozione di Muggia attraverso i prodotti audiovisivi sia un altro tassello dell’attrattività turistica ed economica della nostra città, che ha in tal modo un’importante occasione in più per far conoscere la propria indiscutibile bellezza”.

Un impegno, quello dell’Amministrazione, che a quanto pare ha portato e continua a portare i suoi frutti, con un bilancio decisamente positivo. Di questi giorni è, infatti, anche il finale della fiction “Il silenzio dell’acqua”, la serie televisiva approdata a Muggia nel 2018 che, coprodotta con RTI Mediaset e in onda su Canale 5 in prima serata, è stata realizzata nella città istroveneta dalla Velafilm (composta dai Produttori Tommaso Dazzi e Maurizio Tini), con la regia affidata al famoso Pier Belloni. Una serie che ha vantato un cast e ha registrato ascolti di tutto rilievo: dopo i notevoli risultati delle puntate precedenti, il finale della fiction è risultata essere (con il 14.18% sul target commerciale e 3.046.000 spettatori totali) leader assoluto nella fascia di prima serata con 3.410.000 spettatori totali!

Un successo che ha fatto sì che, all’interno delle passeggiate cinematografiche alla scoperta di tutte quelle zone della nostra regione che sono state protagoniste di riprese televisive importanti negli ultimi anni, quest’anno compaia il nuovo tour legato a “Il Silenzio dell’acqua”. Sabato 4 maggio e sabato 15 giugno, con partenza, alle 10:00, dall’Associazione Casa del Cinema di Trieste in piazza Duca degli Abruzzi, il bus di Trieste HopTour – il bus turistico Hop-on hop-off della città di Trieste, nuovo partner delle passeggiate di Esterno/Giorno, partirà infatti alla volta dei luoghi più significativi protagonisti della fortunata serie televisiva.

Sono state esperienze sicuramente positive che hanno coinvolto direttamente o indirettamente gran parte della comunità, con ricadute sul territorio economiche e, ovviamente, di immagine per Muggia. Il fatto che la nostra città sia stata e sarà protagonista di progetti così importanti ci riempie di orgoglio e, inutile negarlo, di grande curiosità in attesa di poter vedere il lavoro finito” ha commentato il Sindaco Laura Marzi che ha rimarcato il proprio ringraziamento “a tutti i muggesani che hanno accolto con curiosità prima e calore dopo tutti i progetti e le diverse produzioni che si sono succeduti a Muggia, sopportando i piccoli normali disagi che si possono incontrare ospitando delle riprese. Un ringraziamento che si unisce a quello rivolto a tutte le produzioni ed a Friuli Venezia Giulia Film Commission, in primis per aver scelto la nostra città e poi per la professionalità e l’efficienza dimostrata, augurandomi che si sia solo all’inizio di una lunga e proficua collaborazione”.

Tutti sintonizzati, quindi, lunedì dalle 21.25 sul canale Nove del DTT (gruppo Discovery), su Sky (canale 145) e Tivùsat (9)  oppure on demand su Dplay.

1.588