Aperitivo a Grado

Diario elettorale: Honsell rimane senza giunta, si candiderà con Ingroia?

facebook

Babele/Italiada leonarduzzi.eu – Honsell è sindaco di Udine, si potrà dire che non è all’altezza, che sta dilapidando le casse delle partecipate, che amministrare non è proprio il suo forte, che esce malamente dalla questione AMGA, Via Mercatovecchio, Udinese calcio, Parcheggio piazza Prima maggio e molto altro. Tuttavia, Furio è ormai un marchio di questa strana città che è Udine, folkloristico, caratteristico, arrembante, pignolo ed egoista. A due mesi dalle amministrative Honsell si ritrova senza giuntaMalisani e Coppola promossi a Roma, Corrias non vuole più ricandidarsi, Reitani deluso dalle vicende del Teatro,Martines candidato in regione, Franzil impegnato con Ingroia.  Sono 6 assessori su 10 che la giunta Honsell è destinata a  perdere.
La  morsa di panico, eminentemente elettorale, è profonda, colpisce Honsell e un politburo e un comitato centrale privo di bussola. Alla mercè degli eventi.
Agostino Maio è sulle spine, il patriarca del traballante palazzo D’Aronco deve fare i conti con una squadra che non sarà più quella di cinque anni fa.
Le indiscrezioni, assai verosimili, riferiscono di violentissimi scazzi e urla da stadio udite al primo piano di palazzo D’Aronco, il sindaco non ha preso bene la fuga di alcuni componenti della giunta e la minaccia di ritirarsi o infilarsi in quota RIVOLUZIONE CIVILE NON è REMOTA.

327