Friuli: Peroni, il bilancio della regione è virtuoso

62988_1peroniPrimaCommCons24nov15“L’inchiesta pubblicata oggi da Il Sole 24 Ore conferma non solo la solidità del bilancio regionale, ma anche la serietà di un’azione di governo che si ispira coerentemente al principio di Luigi Einaudi, in base il quale ‘Il denaro dei contribuenti deve essere sacro’ e quindi va amministrato con responsabilità e trasparenza”.

Così l’assessore regionale alle Finanze del Friuli Venezia Giulia Francesco Peroni ha commentato lo stato delle casse regionali alla luce del riaccertamento straordinario dei residui di bilancio previsto dal decreto legislativo dell’allora Governo Monti e che prevede un approfondito esame dei residui attivi e passivi, con l’obiettivo di individuare le voci relative ai crediti che risultino inesigibili per l’Ente.

In buona sostanza, il superamento di quelle forme di finanza creativa che, in qualche occasione, ha indotto le amministrazioni pubbliche a mimetizzare situazioni di pesante passività, utilizzando obbligazioni attive che difficilmente avrebbero potuto alla fine essere riscosse.

“Il Friuli Venezia Giulia – ha spiegato l’assessore Peroni -, in base alla propria autonomia speciale, ha adottato il sistema di armonizzazione del bilancio nel 2016, un anno dopo rispetto alle Regioni a statuto ordinario. All’esito di questo percorso, il saldo positivo ammonta a oltre 100 milioni di euro, in ragione del fatto che sono state cancellate molte più situazioni debitorie che creditorie: a dimostrazione della corretta gestione contabile consolidatasi nel corso degli ultimi esercizi finanziari”.

“In merito ai conti della Regione – ha affermato ancora Peroni – viene quindi ribadito quanto già di positivo è stato sottolineato dalle agenzie di rating, inclusa la virtuosa gestione sanitaria, che ha consentito di tenere sotto controllo la relativa spesa – ha concluso l’assessore – garantendo ai cittadini un servizio di riconosciuta qualità”. ARC/GG/EP

619