Palma alle Armi 1809 L’Assedio, 1000 persone alla battaglia

Si conclude il primo dei due giorni della Rievocazione Storica napoleonica di Palmanova “Palma alle Armi 1809 L’Assedio” con un tutto esaurito. Il tetto massimo previsto dalle regole anticontagio è stato raggiunto, così 1000 persone hanno potuto assistere alla grande battaglia in campo aperto fuori Porta Cividale. Le visite guidate previste alle lunette napoleoniche e la caccia la tesoro alla gallerie del rivellino hanno costretto gli organizzatori a raddoppiare i turni di visita per le tante richieste, registrando posti esauriti.

Oltre 1.500 biglietti sono stati staccati per accedere a battaglia e accampamento, oltre alle tante persone che hanno deciso di vivere la rievocazione tra Piazza e Borghi.

Per due giorni infatti in città si rivive la Palmanova di duecento anni fa grazie a quasi 500 rievocatori del periodo napoleonico, provenienti da tutta Europa. Battaglie, parate e osterie, per il più grande evento rievocativo napoleonico organizzato in Italia, uno dei più rappresentativi di tutto il vecchio continente.

Il programma completo della manifestazione è consultabile e scaricabile sul sito www.comune.palmanova.ud.it o sulla pagina Facebook del Comune di Palmanova.

Doman, domenica 5 settembre, alle 15 la seconda parte della grande battaglia in campo aperto: il grande attacco degli assediati franco-italiani per sfondare l’assedio austriaco alla Fortezza di PalmaNova. Scontro in campo aperto tra fanti, a colpi di cannone e moschetti tra rivellino veneziano e lunetta napoleonica sulla spianata fuori Porta Cividale.

L’area del Bastione Garzoni nei pressi di Porta Cividale ospiterà ancora un giorno quasi 500 rievocatori con più di 200 tende, i bivacchi delle truppe, le artiglierie e la locanda storica. Per la rievocazione storica napoleonica di Palmanova, sono arrivati gruppi da Italia, Austria, Germania, Francia, Repubblica Ceca, Ungheria, Malta, Polonia.

Domani matina si ripetono i due turni del “Percorso napoleonico e macchine da fortezza” con visita alla Lunetta e galleria napoleonica e alle 18 “Visita a fortificazioni, macchine da fortezza e gallerie venete”.

La sera musica e danze con la Festa in Piazza Grande. Tricorni e merletti, Palma 1809 racconto spassoso tra canti e balli (da un fatto storico realmente accaduto). Il duello d’onore tra gentiluomini. Musica e destrezza. Tamburi e bandiere in festa.

Per accedere all’area della battaglia e dell’accampamento è necessario l’acquisto un biglietto: ingresso accampamento e battaglia a 5 euro (valido 1 giorno) e ingresso accampamento a 3 euro (valido 1 giorno), ingresso gratuito sotto i 14 anni. I biglietti possono essere acquistati in via Vallaresso (dalle 9.30 alle 16 di domenica) e in via Risorgimento (quest’ultima attiva poco prima della battaglia). È attiva da quest’anno anche la prevendita online dei biglietti, attraverso l’indirizzo online.euroticket.it/palm-2021

Ai sensi del D.L. 105 del 23 luglio 2021, l’accesso all’area dell’accampamento, delle battaglie, degli spettacoli e delle gallerie è consentito solo ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19.

Nel 1809 per la prima volta Palma è cinta d’assedio. “Palma alle Armi 1809 L’Assedio” rievoca questo episodio, quando la fortezza fu bloccata dalle truppe austriache a seguito della ritirata dell’armata franco-italiana verso il Tagliamento e l’Adige. Per un mese, nella primavera di quell’anno, Palma fu bloccata e bombardata fino alla sua liberazione: la fine delle ostilità fu firmata nell’ottobre del 1809. Palmanova entra nella storia e lo spettatore può rivivere la vita della guarnigione e delle truppe assedianti in quei giorni febbrili: fanti, artiglieri e civili. La vita di inizio ‘800 è tornata ad animare le vie di Palmanova, tra manovre militari e ronde cittadine.

588