Successo giapponese per i prosciutti Dok Dall’Ava, presenti a Tokyo nelle principali boutique gastronomiche

Sempre più giapponesi amano il prosciutto firmato Dok DallAva, in special modo a Tokyo. In una delle città più care al mondo, sono soprattutto i giovani ad apprezzare sempre più e riconoscere lo storico marchio friulano, uno dei capisaldi della “capitale italiana del prosciutto crudo” ormai rinomata in tutto il mondo. Merito della qualità di un prodotto che, declinato nelle sue diverse sfumature a partire da quella “classica”, ha saputo conquistare su scala internazionale il gradimento anche dei palati più esigenti.

Nella metropoli nipponica, il prosciutto griffato Dok DallAva viene proposto dalle principali boutique enogastronomiche, ma anche dai grandi hotel della città che desiderano offrire ai loro clienti un Made in Italy tutto da provare e gustare. Ma non sono soltanto le generazioni più mature ad amare questa leccornia: i giovani giapponesi, in fatto di aspettative a tavola, sono diventati sempre più esigenti e per mangiare bene sono disposti a spendere, senza troppi assilli. Ecco perché il crudo Dall’Ava è stato capace di imporsi a Tokyo, intercettando fette di consenso sempre più ampie.

«Il “segreto” di Dok DallAva – sottolinea Sandy Tomoko (80 anni, nella foto), importatore in terra nipponica di eccellenze italiane – sta nella qualità del suo prodotto. Il consumatore giapponese è sempre più attento riguardo a ciò che porta in tavola, ed è alla costante ricerca di sapori nuovi. L’azienda friulana ha colto la tendenza del mercato da anni e si è così ricavata un ruolo di primo piano». Il Friuli Venezia Giulia in particolare, può crescere ancora nella terra del Sol Levante: «La vostra terra – conclude Tomoko – da noi è ancora poco conosciuta. Ma il prosciutto può essere il viatico giusto per far scoprire la regione e i prodotti italiani in Oriente. È una specialità così rinomata che può fungere da traino anche per tutto il resto».

Dok DallAva produce oggi nel suo stabilimento circa 30.000 prosciutti all’anno e vanta sei linee di prodotti: oltre al “classico” e apprezzato prosciutto Dok di San Daniele Dop, a catalogo ci sono pure “numerodieci”, “prosciutto fumato”, “patadok”, “nebrodok” e “undok”.

935