FEFF22

Tarvisiano, Carnia, Piancavallo: al via le attività estive

logo-turismo-fvg
Un fitto programma di attività in montagna, dedicate ai turisti che vogliono conoscere meglio il territorio. L’Agenzia TurismoFVG, in collaborazione con i consorzi turistici, coordina un programma di iniziative, rinnovato e ampliato rispetto alla precedente stagione turistica, che punta a offrire agli ospiti della montagna del Friuli Venezia Giulia occasioni di svago, visite turistiche, itinerari alla scoperta di luoghi inediti. “Abbiamo lavorato a lungo – ha commentato il vicepresidente Luca Ciriani – per costruire una proposta ampia, articolata e organica a vantaggio degli ospiti in montagna. La soddisfazione del turista, la propensione a tornare, deriva dall’offerta di iniziative e attività da svolgere durante la sua vacanza. Il nostro compito è quello di promuovere tutte le attività svolte sul territorio, dar loro valore e far sì che siano di elevata qualità. Le iniziative di quest’anno rispondono a queste caratteristiche”.

PERCORSI SULLE TRACCE DELLA GRANDE GUERRA – Gli appassionati di storia e natura ospiti in Friuli Venezia Giulia hanno la possibilità di visitare le trincee e i luoghi della Grande Guerra dislocati sul territorio. Nel Tarvisiano si può passeggiare assieme alle guide lungo i sentieri teatro della Prima guerra mondiale, le trincee e i luoghi storici. Un’occasione per rivivere una pagina di storia che ha profondamente segnato il Friuli Venezia Giulia, ma anche un’occasione per ammirare la natura più bella e incontaminata della regione. Il 6 agosto, per esempio, è prevista l’escursione lungo l’anello Jof di Sompdogna, un itinerario ricco di fascino naturalistico e di suggestioni storiche: per la sua posizione dominante, lo Jof Sompdogna offre infatti una vista superba sullo Jof di Montasio e rappresentò un punto chiave del sistema difensivo italiano durante il primo conflitto mondiale, di cui restano molte testimonianze.

SPORT IN MONTAGNA – Giornate in montagna anche per gli appassionati di sport. Fra le proposte, attività di canyoning per scoprire il territorio seguendo il corso dei torrenti, le gole e le forre scavate dai corsi d’acqua. In Carnia, il 13 agosto, si parte da Sauris e si continua lungo il suggestivo canyon in cui scorre il torrente Lumiei, attraversando la profonda e spettacolare forra scavata dall’acqua.
Agli esperti appassionati di sport, Piancavallo propone varie escursioni alpinistiche. Suggestiva, quella che conduce sulla cima Manera, la vetta più alta del gruppo del monte Cavallo con 2250 metri di altitudine, prevista sempre il 13 agosto. L’itinerario, oltre che sotto il profilo sportivo, è interessante dal punto di vista naturalistico, perché attraversa ambienti molto diversi, dalle faggete alle macchie prative.

MOUNTAIN BIKE E CAVALLO – Per godersi la montagna in versione slow le possibilità sono tante. Diversi in Carnia gli itinerari naturalistici in mountain bike e alcune proposte anche a cavallo: queste ultime, che si sviluppano nella zona di Arta Terme, sono concordate con i partecipanti a seconda del livello e degli interessi.

PER TUTTI – Un itinerario adatto a tutti i livelli di preparazione e a tutte le età è la passeggiata naturalistica sull’Altopiano del Montasio, nel Tarvisiano: un’occasione per ammirare specie preziose come la stella alpina, la nigritella e il papavero bianco, avvistare le marmotte e gustare, oltre al famoso formaggio Montasio, anche ricotta, yogurt e piatti della cucina tradizionale.
Per camminatori di ogni livello, il 15 agosto Piancavallo propone il giro delle malghe, percorso turistico fra 5 malghe che attraversa boschi di faggio e radure erbose, offrendo splendidi panorami su tutta la pianura sottostante, fino alla laguna.
La Carnia propone anche numerose gite guidate in pullman alla scoperta di comuni e piccoli centri, della loro storia e cultura. Per il 6 agosto è prevista un’uscita a Zuglio: tappa al Museo archeologico, dove sono conservati reperti che vanno dalla Preistoria all’Alto Medioevo, con significative testimonianze di epoca romana; alla Pieve di San Pietro e alla Polse di Côugnes, grande complesso destinato originariamente alla preghiera. Interessante, qui, la visita all’orto botanico Il giardino dei semplici, che ospita piante usate in cucina e nella fitoterapia, piante velenose e specie tipiche della Carnia.

BAMBINI – Il Friuli Venezia Giulia pensa anche ai più piccoli. Tante e diverse le attività rivolte ai giovani escursionisti per imparare a conoscere e ad amare la montagna. Il Tarvisiano ha predisposto un nutrito calendario di attività. Come il percorso di pedagogia forestale “Caccia alla traccia” (22 luglio; 4, 17 e 26 agosto), una passeggiata sulle orme degli animali del bosco che insegna a conoscere e rispettare l’habitat boschivo.
A Piancavallo, l’8 e il 14 agosto appuntamento con il playclimbing, rivolto a bambini dai 6 anni per avvicinarsi giocando all’arrampicata sportiva: divisi in piccoli gruppi e muniti di caschetto, imbracatura e corda, i giovani alpinisti che formano la cordata scaleranno, imparando a interagire fra loro, una parete naturale attrezzata sotto la guida di un istruttore.

COME PRENOTARE – Prenotazioni e adesione per le uscite in montagna si possono richiedere presso tutti gli infopoint TurismoFVG della regione. E per permettere a tutti di approfittarne, sono disponibili varie promozioni: le attività sono gratuite per chi dispone della FVG Card, la discovery card dell’Agenzia TurismoFVG; alcune escursioni sono gratuite per i bambini sotto i 12 anni mentre altre attività garantiscono un ingresso omaggio a 1 o 2 bambini sotto i 12 anni per ogni adulto pagante che aderisce all’iniziativa. Per informazioni sulle attività e le modalità di partecipazione, contattare il numero verde 800 016 044 o scrivere a [email protected]

556