Udine: Chiasiellis, Festintenda 2015 – Tutto il programma – 8/16 mag

 

festintenda (1)Torna Maggio, torna Festintenda a Chiasiellis: Vi proponiamo trutto il programma del festival

 

8 maggio:

I Salici: band Friulana che muove i primi passi nel 2007. Da sempre legata alla natura e suggestionati dal profondo rispetto che provano per la propria terra ed il fiume Isonzo, i Salici fondono la loro primitiva passione per la musica medioevale con contaminazioni più moderne, spaziando agevolmente tra blues, rock e jazz e toccando anche sonorità orientali ed etniche.

I Quintorigo:

band romagnola nata nel 1992, inserita in numerose etichettature musicali ma in realtà estremamente versatile e di difficile lettura. I quinto rigo si muovono agilmente in molteplici ambiti musicali, dal jazz al rock al funky al blues, passando anche nel reggae e nel punk. Il gruppo dimostra una versatilità incredibile, e grazie all’utilizzo anche di archi ed ottoni riesce a sperimentare tutti i generi senza perdere mai la propria identità.
I Quintorigo hanno già dato prova di maestria sul palco di festintenda, ma quest’anno propongono il loro nuovo progetto basato sulle produzioni del grande chitarrista Jimi Hendrix, reinterpretando il suo repertorio grazie all’innovazione di cui solo loro sono capaci.

9 maggio:

La Dolce Vita:

cinque musicisti Italiani che riescono nel difficile tentativo di innovare la musica rock nostrana. Un ottimo progetto che unisce il rock a contaminazione elettroniche fuse in una dimensione live originale ed interattiva.

Sultan Bathery:

i vicentini Sultan Bathery propongono un garage rock intriso di virtuosi riff e di numerosi rimandi alla musica più viscerale e genuina di un tempo, con un’ attenzione particolare a pietre miliari come i Kinks e i Credeence, calibrando perfettamente i ritmi creando un sound particolarmente incalzante.

Sextress:

i Sextress racchiudono tutta la passione che si possa provare per tutto il rock garage dagli anni 60 ad oggi, con notevoli influenze derivanti dal psico rock dei primi anni 80, il tutto coronato dalla prolifica amicizia con i Fuzztones. I Sextress iniziano con alcune cover trovando in seguito la propria strada artistica e definendo un sound originale e impagabile.

Fuzztones:

gli americani Fuzztones muovono i primi passi nella seconda metà degli anni settanta, scavando in profondità nella tradizione garage più pura e fondendolo alla passione per il cinema e la letteratura Horror.
Ritmi veloci, concitati e riff incalzanti che si esprimono ai massimi termini durante i devastanti ed indimenticabili live.
15 maggio:

Warrior Charge Soundsystem:

che dire ancora del paladino del dub e del sound system in Regione? In pochi riescono a far saltare la gente come lui, complice anche la sua abilità nel costruirsi da solo un impianto sonoro impagabile per esprimere al meglio le sue sonorità. Da numerosi anni collabora col Cantiere.

Vibronics ft Madu e Parvez:

collaborazione tra esponenti di spicco della scena reggae dub e dance hall, si preparano a far esplodere il palco di festintenda trascinando con le loro sonorità elettroniche tutto il pubblico verso il ballo ed il divertimento più sfrenato.

16 maggio:

Ishia Mentor e Rub e Dub Band:

l’artista Giamaicano Ishia Mentor, attivo sulla scena musicale da ragazzino, esplora ed integra con la sua arte il lato più genuino del Reggae. Porta avanti numerose collaborazioni e nel 2014 in Etiopia conosce i Friulani Rub e Dub Band.
L’intesa tra loro è immediata e profonda ed iniziano a collaborare insieme fondendo le proprie sonorità e creando un progetto notevolissimo che divulga il loro messaggio di libertà e pace.

Anima Caribe:

i vicentini Anima Caribe fondono le sonorità reggae a contaminazioni caraibiche, attraversando con dimestichezza i confini del funky e dell’hip hop, creando un sound trascinante e caloroso.
La danza e il divertimento faranno da padroni, ma i messaggi di pace e di amore, capisaldi del reggae più viscerale, saranno ben definiti nei pezzi che gli Anima Caribe ci proporranno.

 

22 maggio:

Gang Bang:

i gemonesi Gang Bang si formano nel 2010, e uniscono agevolmente rock, grunge e post punk riuscendo nella difficile impresa di amalgamare le sonorità in modo convincente e creare un suono travolgente e intenso.

Party Animals:

alla fine del 2011 irrompe nelle scene musicali udinesi un gruppo che aveva un voglia irrefrenabile di divertirsi con il rock e roll, e ce l’ha ancora! i party animals incarnano lo spirito più puro del rock anni 80, grazie a riff veloci e trascinanti, ad una carica adrenalinica che pochi possono vantare e a un repertorio di pezzi di rilievo.

Jar Of Bones:

finalmente si sono riuniti. dopo essersi presi una pausa, i Friulani Jar Of Bones, con un nuovo Frontman, hanno deciso di tornare ad incendiare i palchi e gli animi con dei nuovi pezzi indimenticabili.

Nati nel 2004, si sono fatti conoscere soprattutto con un’intensa attività live, dove hanno dimostrato di saper coinvolgere il pubblico grazie ad una tecnica strumentale e compositiva da professionisti, una motivazione personale palpabile e sincera, ed un sound che unisce numerose contaminazioni per creare un inedito e irresistibile connubio di generi, unico e trascinante.

23 maggio:

Vomit 8:

i veneti Vomit8 non hanno mai celato i propri sentimenti, fin dal loro esordio con l’album “vi odio tutti”. Ritmi velocissimi, contaminazioni da ogni angolo, creando un suono punk estremamente sfaccettato ed eterogeneo.

The Nutries:

vicentini, formatisi nel 2008, i The Nutries sparano dal palco sonorità hardcore punk grezze e oscure, contaminandole con metallo pesante e atmosfere pregne di angoscia e malessere. Stile e dolore perfettamente uniti tra loro.

669