Bearzi

Udinese-Atalanta 2-0 Di Natale, un’ora illegale – le PAGELLE

di natale esultanza-1 26 ottobre 2014 – Udinese che conferma il 4-2-3-1 dopo la sconfitta di Torino schierando ancora Bruno Fernandes trequartista di sinistra con Thereau in mezzo a Kone a destra dietro a Di Natale. A sinistra rientra Piris. Ma chji la mette dentro è sempre lui. Dopo un inizio di marca bergamasca Di Natale al limite della’rea orobica ruba palla a Carmona e la mette sotto l’incrocio dei pali. Sei Minuti e Udinese in vantaggio. la partita si sviluppa con poche emozioni, l’Udinese si aggrappa ai numeri di Di Natale mentre i nerazzurri pungono ma non impensieriscono mai Karnezis che si esibisce in doppio dribbling sugli attaccanti orobici. Il raddoppio arriva al 36° quando Thereau raccoglie un pallone sporco al limite dell’area e in mezzo a tre uomini trova lo spazio per calciare e metterla dietro all’incolpevole Sportiello. L’Atalanta riparte con Denis e Boakye e l’Udinese soffre anche se non concede grandi occasioni e punge in contropiede con Bruno Fernandes. La partita inizia ad addormentarsi. Udinese a 16 punti insieme alla Sampdoria, mercoledì turno infrasettimanale a Firenze

 

KARNEZIS 6: unico brivido il doppio dribbling sugli attaccanti avversari
WIDMER 6 giornata dedicata a coprire prima su Moralez poi su Boakye. Supera la prova anche se sudandosela tutta
HEURTAUX 6: insieme al compagno di reparto si limita a spazzare qualche palla. Si soffre qualcosa solo sui calci d’angolo dove la lotta libera di mescola con il calcio
DANILO 6: pomeriggio di attenzione ma senza brividi.
PIRIS 6: soffre D’Alessandro solo in un paio di occasioni. Si limita a restare bloccato sulla linea difensiva
ALLAN 6: partita molto scorbutica. Ci si butta a pesce
GUILHERME 6,5: ordinato sì, ma anche ordinario anche se è bravo a rallentare il ritmo quando è da addormentare la partita
KONE 5: non si è mai visto se non in qualche sgroppata inconcludente
dal 57° PINZI 6: sul far della sera entra a dare una mano a centrocampo
THEREAU 7,5 straordinario per quantità e qualità. Sempre presente, corre per due; non ha la precisione di Totò ma si inventa un fantastico gol in mezzo a tre raccogliendo una spizzata di testa in profondità di Totò
dal 75° MURIEL 6: una bella giocata conclusa con un tiro fuori di Bruno fernandes
BRUNO FERNANDES 5,5: giocare esterno a sinistra sembra una tortura. Solo una cavalcata che si conclude con un tiro fuori dallo specchio
DI NATALE 8,5: Re Mida. Ogni palla che tocca si trasforma in qualcosa di significativo. Un gol passaggi a profusione, spizza la palal di testa a Thereau, torna in difesa a dare un mano. Il sole non tramonta mai, neanche quando cambia l’ora.
dall’ 84° GEIJO sv: l’onore di entrare per Di Natale

facebook
449