Bearzi

Udinese: contro il Catania ci saranno anche Domizzi e Isla

domizzi isalRecuperati Domizzi e Isla dunque!. I due ragazzi erano in forse  ma  ieri in allenamento anche il cileno, che era quello più a rischio, ha lavorato con il gruppo e infatti oggi è stato convocato dal mister per la gara di domani contro il Catania alle 15 allo stadio Friuli. La formazione appare quindi scontata: Handanovic fra i pali, difesa a tre con Ferronetti, Danilo, Domizzi; centrocampo che sconterà ancora l’assenza di Asamoah impegnato in Coppa d’Africa e che quindi da destra a sinistra vedrà Basta, Isla, Pinzi, Fernandes, Armero. La coppia d’attacco dovrebbe essere Floro Flores e Di Natale.

Conferenza stampa pre Catania per Francesco Guidolin. La gara contro gli etnei sarà l’ultima di questo girone d’andata, girone che ha visto l’Udinese arrivare fino ai piani alti della classifica partita dopo partita. Direttamente dalla sala stampa del Friuli ecco le risposte ai giornalisti del tecnico di Castelfranco Veneto. “Il responso della rifinitura ha detto che tutti i miei giocatori sono disponibili, speriamo che non succeda nulla tra oggi e domani. Il Catania? Somiglia molto al suo allenatore, “Vincenzino” era molto pericoloso quando giocava, lui farà molta strada. E’ un allenatore che arriverà molto lontano, si è subito messo in discussione in una nuova dimensione, passando da calciatore ad allenatore in pochissimo, con molta facilità. Lo sento parlare molto bene, lo sento dire cose sensate, vedo la sua squadra giocare un calcio dinamico, aggressivo e anche fuori casa ha fatto delle buone prestazioni. E’ una squadra pericolosa come lo era lo stesso Vincenzo, dovremmo essere svegli ed in partita”.

“Io l’ho conosciuto quando era giovanissimo ad Empoli, era un ragazzo a posto, tranquillo con tanta voglia di imparare. I valori li aveva già allora, lui è stato davvero un grande calciatore”.

“Il Catania è una società che lavora molto bene, i risultati danno ragione al progetto. Ha a disposizione giocatori vivaci e di talento, fanno bene in tutti i modi, non solo in contropiede. È tutto il telaio, l’organico popolato da giocatori con diverse qualità”.

“La gara persa in casa contro il Chievo l’abbiamo dimenticata immediatamente, abbiamo subito voltato pagina, nella vita e nello sport bisogna voltare pagina e guardare avanti. Bisogna poter controllare tutto, in 4 giorni abbiamo perso i Quarti di finale di Coppa Italia e la testa della classifica, noi abbiamo comunque altri obiettivi e cercheremo di portarli avanti”.

“Che non ci sia ancora un titolo d’inverno è una cosa stupefacente. A me piace guardare le vecchie foto e cerco di sentire il profumo del passato e mi accorgo che in pochi hanno avuto la fortuna che stiamo vivendo noi adesso”.

“La società sta facendo tutto il possibile per portare più gente nel nostro stadio. Spero che domani faccia bello come oggi. Varrebbe la pena di vivere questo momento, vorrei che tutti i tifosi lo cogliessero, ma io non faccio appelli e inviti: spero che tutti i nostri tifosi lo capiscano”.

intervista a cura di udinese.it

facebook

Lascia un commento

498