Aperitivo a Grado

Udinese: il punto sul mercato

facebook

L’inizio del mercato è il periodo che fa venire sempre i brividi ai tifosi del’udinese. Ormai i supporter si sono abituati a veder partire ogni estate alcuni pezzi da 90 ma il tempismo e la competenza con cui la dirigenza friulana sostituisce i giocatori garantisce sempre un altro livello al team bianconero. A miscelare la pozione come il druido c’è Guidolin.

PORTIERI: Brkic dopo una annata con alti e bassi sarà riconfermato titolare. Con la partenza di Padelli verso il Toro si libera la casella di secondo portiere. A occuparla potrebbe essere il promettente Pawlowsky (93) con Favaro (95) o Scuffet (96) come terzo portiere. Sarebbe una scommessa quella di avere un secondo portiere così giovane. In ogni caso il Granada ha ingaggiato Kevala portiere croato dell’88

DIFENSORI: Benatia andrà via. Al momento pare che la Roma sia in pole position e l’accordo ormai sarebbe fatto sulla base di 7 milioni e metà di Bertolacci. Il trio difensivo del prossimo anno potrebbe essere composto quindi dai titolarissimi Danilo e Domizzi mentre il posto del franco marocchino sarà in ballo fra Heurtaux e Angella. Il francese era l’autentico vice Benatia mentre Angela, vera rivelazione dell’anno scorso, giocava sia da vice Danilo che da backup di Domizzi; Serve sicuramente un altro difensore.C’è Naldo, di ritorno da Bologna, e l’ipotesi Coda, passato l’anno scorso al Parma in prestito con diritto di riscatto potrebbe far comodo ai bianconeri che avranno bisogno di una rosa piuttosto folta visto l’impegno europeo. Bisogna vedere se Guidolin vorrà addirittura sette difensori.

CENTROCAMPO: due i presupposti di partenza: il centrocampo è a 4 con possibile variante a 5 e Basta andrà via. Allan e Pinzi saranno i due titolari del centrocampo friulano. Badu il primo backup. Difficile che con il nuovo modulo Lazzari trovi spazio e quindi non ci stupiremmo affatto di una eventuale cessione. Il quarto uomo potrebbe essere eventualmente Bertolacci o Merkel anche se entrambi hanno doti un po’ più offensive, che si integrerebbero meglio in un centrocampo a 5. Rimane al momento in rosa anche Berrini che ha giocato solo gli ultimi due minuti a san Siro e Campos Toro che Guidolin vedeva con entusiasmo appena arrivato a Udine ma che poi ha trovato pochissimo spazio. Nel frattempo è stato acquistato il croato Mlinar. Per lui saranno decisivi sicuramente i giorni del ritiro. A sinistra l’Udinese è copertissima con Gabriel Silva e Pasquale. Più grave la situazione a destra. La partenza certa di Basta lascerà un vuoto sulla fascia. Faraoni è un ipotesi. Ma si cercano alternative. La cessione all’Inter del serbo potrebbe portare a casa Obi e Laxalt, entrambi centrocampisti centrali anche se il primo potrebbe essere trasformato in un laterale di destra. Un eventuale scambio di questo tipo andrebbe a coprire anche le lacuna di seconde scelte di centrocampo anche se Laxalt potrebbe occupare la seconda casella di extracomunitario. La prima dovrebbe essere occupata da Jadson, 93 acquistato dal Botafogo. dalle immagini  – link -parliamo di un giocatore sul quale noi siamo pronti a scommettere. il ruolo naturale sembra quello di regista ma visto l’attitudine del gioco di Guidolin non ci stupiremmo di vederlo trasformato in un laterale di destra. La dote fondamentale, la corsa, sembra esserci. Ancora un mesetto e vi diremo qualcosa di più dopo averlo visto in azione nelle prima partitelle. Per la fascia destra si è letto anche della voce del possibile ritorno di  Mesto.

ATTACCO: fra i due trequartisti e l’attacco d giocatori ce ne sono tanti. Il “tridente” – chiamiamolo così – titolare sarà sicuramente Pereyra e Muriel dietro a Di Natale. Il capitano ha offerte di ogni tipo, e tutte più remunerative. Alla fine rimarrà a Udine e l’accordo verrà trovato con un piccolo ritocco con l’ipotesi di smettere subito se arriveranno i 200 gol (al momento a quota 186)  o la stagione successiva, una volta raggiunto il traguardo.

Detto dei titolari c’è da far crescere Zielinski, Merkel e Bertolacci. Ci sarà la coppa e Di Natale non farà tre partite a settimana così è probabile che Muriel giochi anche da centravanti nel suo ruolo naturale in parecchie occasioni. Maicosuel è chiusissimo ed è quindi probabile che sia ceduto, così come Fabbrini che sembra destinato al Granada. Il futuro di Ranegie potrebbe dipingersi del giallo del Watford. Resterebbe quindi la necessità di una punta. Al momento due le ipotesi sullo sfondo. Una porterebbe addirittura l’ottimo Kozak ( chiuso dall’arrivo di Perea) a Udine per terminare il pagamento di Candreva. Sarebbe uno straordinario upgrade rispetto all’anno scorso. Altra ipotesi vede il possibile arrivo del croato Mitrovic (i croati saranno tutti comunitari dopo il 1° luglio) centravanti del 94 in forza al Partizan Belgrado dal sicuro avvenire. Fortissimo di testa (189 cm x 89 kg), educato di piede è conteso da friulani e dall’Arsenal: il Partizan dice di non volerlo cedere subito, fra un paio di anni potrebbe monetizzare molto di più. C’è anche l’potesi del trasferimento di Longo dal’inter all’udinese nell’affare Basta.Staremo a vedere

364