Vendere online l’auto: guida per evitare truffe

auto-vendita

Internet ci permette oggi di fare alcune cose che rispetto a prima avvengono in maniera veloce, semplice e spesso facile. Tra le tante possibilità che ci offre il web c’è anche quella di poter vendere la propria auto online, attraverso siti che consentono l’inserimento di annunci di vendita completamente gratuiti o portali dedicati esclusivamente al mercato dell’auto dove in pochi click è possibile vendere e comprare mezzi. Ma vendere la propria automobile online, come tutti i beni da noi posseduti, può nascondere delle insidie di ogni tipo. E’ necessario avere gli occhi ben aperti. Ecco una piccola guida che può risultare utile per evitare truffe online.

Il primo rischio di truffa in cui si può incorrere è quello dovuto al riciclaggio del denaro. In molti casi si può essere contattati da acquirenti, che spesso non sono di nazionalità italiana, i quali oltre ad essere fortemente interessati all’acquisto dell’auto online, ci offrono cifre più alte di quanto effettivamente richiesto nell’annuncio, addirittura ci chiederanno di pagare in contanti. Bene si potrebbe tranquillamente parlare di organizzazioni dedite al riciclaggio di denaro di provenienza illecita. Diffidate da questo tipo di possibili acquirenti, dietro trattative del genere non c’è nulla di buono.

Un’altra tipologia di truffa che spesso accade online è quella dell’acquirente estero: in molti casi di tratta di di misteriosi uomini d’affari che non tratta il prezzo dell’auto, non chiede di visionarla, ma ci chiede esclusivamente il codice iban per il bonifico. Fin li potrebbe sembrare tutto normale ma dopo l’invio del bonifico tutto si blocca a causa di una tassa locale che l’acquirente chiede di pagare al venditore. Ovviamente è tutto falso. Addirittura si può correre anche il rischio di essere contattati da enti stranieri che valutano transazioni pericolose per l’antiriciclaggio.

Altro pericolo da evitare per non incorrere in una possibile truffa è quello di ricevere un assegno scoperto o addirittura falso. Spesso quando vendiamo la nostra auto il metodo di pagamento che viene richiesto per la maggiore è quello tramite appunto assegno bancario o circolare. Ma diffidate da chi ve lo chiede! L’assegno bancario potrebbe risultare scoperto (mancanza di fondi) o addirittura il carnet potrebbe essere stato rubato. Attenzione anche agli assegni circolari: potrebbero essere falsificati (oltretutto la banca ce ne darebbe conferma solo dopo alcuni giorni). La migliore soluzione è il bonifico bancario effettuato direttamente sul proprio conto corrente o un assegno bancario presso lo stesso istituto che permetta una verifica immediata di disponibilità.

Altre potenziali truffe possono avvenire quando veniamo contattati da potenziali acquirenti che dopo aver visto il nostro annuncio online ci chiedono di inviare copia delle carte di circolazione o altri documenti dell’automobile. Meglio non fidarsi, potrebbero falsificare i nostri atti o ancora peggio utilizzarli per scopi illeciti. Queste sono solo alcune delle truffe che potrebbero capitare vendendo la propria auto online. Il nostro consiglio è quello di rivolgersi sempre ad esperti del settore che si occupano di vendita e valutazione di auto usate.

828