Viaggio nello scriptorium di Cividale: ricostruito nei dettagli un laboratorio del XII secolo

Cividale è infatti il solo centro della penisola a vantare uno scriptorium ricostruito in maniera fedelissima sui modelli del XII e del XIII secolo e soprattutto – in questo sta l’eccezionalità dell’operazione – realtà viva e attiva, non semplice sito espositivo. Frutto dell’intuizione e della passione del maestro miniaturista Massimo Saccon, 40 anni di esperienza alle spalle, l’affascinante scrigno di saperi antichi è stato inaugurato ieri pomeriggio con una cerimonia a numero chiuso in ottemperanza alle disposizioni anti-contagio: ad accogliere lo Studio Vellum – Opificium Civitas Austriae sono incantevoli locali dell’anno Mille affacciati su via Candotti, di proprietà dell’Ente di sostentamento del clero, entusiasta di metterli a disposizione dell’esperto per un intervento che conferma la vocazione di Cividale – citando il sindaco Stefano Balloch – a fare da culla a «grandi progetti» (Video Petrussi) – L’articolo

418