Aperitivo a Grado
facebook

Cine20_1 Cine20 lo potete leggere tutti i giovedì ed è curata da Matteo “Weltall” Soi dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com e dal blogger-seriale Kusa direttamente da lavitaenientaltro.wordpress.com. Una coppia inedita disposta a tutto pur di mettere la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazia da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Detto questo, andiamo a cominciare.
.

Al cinema e non solo.

.
La penuria di uscite d’interesse ci sta tenendo lontano dalla sala. Ma recupereremo prima della chiusura della stagione cinematografica 2013/2014.

.

Brevemente in sala (a cura di Kusa).

.

lestatestafinendoL’ESTATE STA FINENDO di Stefano Tummolini

.
Un gruppo di amici si trova in una casa al mare per un weekend di fine estate in allegria. Ma quando qualcosa va storto tutto si trasforma in un incubo. Un po’ quello che provano gli spettatori alla sola vista del trailer.
ATTESA KUSA 0%

Più che finendo, l’ estate sta entrando nel suo pieno e lo capiamo dai titoli scelti per riempire le sale queste settimane, aspettando gli ultimi colpacci hollywoodiani da qui a fine mese.
ATTESA WELTALL 0%

.

lamadreLA MADRE di Angelo Maresca

.
Libero adattamento di un romanzo di Grazia Deledda, la storia di un giovane sacerdote con una madre ossessiva, interpretata da Carmen Maura, diviso tra la fede religiosa e la passione per una donna. Dispiace per la grande Carmen Maura, ma il trailer gia’ da solo e’ a dir poco imbarazzante.
ATTESA KUSA 0%

Ecco, appunto. Come scritto poco sopra, basta porsi la semplicissima domanda sul perchè questo film esca adesso per capire come mai noi ci sentiamo di tenercene bene alla larga.
ATTESA WELTALL 0%

.

maicosiviciniMAI COSI’ VICINI di Rob Reiner

.
Un nome come Rob Reiner evoca titoli memorabili come Harry ti presento Sally, Stand by me, Misery non deve morire e Codice d’onore, e negli anni ’80-’90 era sicuramente garanzia di un prodotto di qualita’. A una quindicina d’anni abbondanti lo smalto non e’ certo piu’ quello di un tempo, e qui ci racconta la storia assai prevedibile di un vecchio egoista e misantropo (interpretato da Michael Douglas) che viene addolcito dalla presenza improvvisa della nipotina e dalla presenza esuberante e nevrotica di una vicina (Diane Keaton) sua coetanea. Una storia che ricorda molto da vicino anche quella di Qualcosa e’ cambiato, e non a caso lo sceneggiatore e’ lo stesso. Forse l’unico titolo che avra’ una distribuzione nelle sale degna di questo nome tra tutti quelli annunciati per la settimana, grazie proprio alla presenza di due attori conosciuti. Ma, come successo per Big Wedding di un paio di  settimane fa, non e’ sicuramente sufficiente a trascinarmi in sala.
ATTESA KUSA 0%

Quella di questa settimana è una tesi che viene continuamente confermata, titolo dopo titolo, e non fa distinzione tra cinema italiano e internazionale. Se il film di Reiner arriva solo ora nei cinema e perchè non c’era alcun motivo di farlo uscire in piena stagione.
ATTESA WELTALL 0%

.

ilparadisoperdavveroIL PARADISO PER DAVVERO di Randall Wallace

.
Un bambino salvatosi miracolosamente dopo un’operazione comincia a raccontare quel che gli e’ successo mentre era nell’aldila’. Non e’ un horror ma un film cristiano-fondamentalista sulla fede, tratto da un libro best-seller in USA tratto a sua volta da una storia (pare) vera. Lo preferivo horror.
ATTESA KUSA 0%

Ma horror tutta la vita! Anche perchè qui si toccano temi delicati e questo spacciare una storia per “vera”, oltre ad essere un espediente furbo, è anche un po’ irritante.
ATTESA WELTALL 0%

.

Consigli per gli acquisti.

.
Nessuna uscita degna di nota questa settimana ma è giusto fare una doverosa correzione a quanto scritto la settimana scorsa a proposito di SNOWPIERCER. Come scritto nella scheda, il video veniva riportato come 1.78:1 anamorfico, erroneamente preso per buono, quando invece l’ originale ha un rapporto di 1.85:1. Sfortunatamente non si tratta di un errore “di fascetta” ma proprio di un riversamento effettuato con un rapporto diverso. Un errore comunque, pesante, che pregiudica l’acquisto dell’edizione che pertanto viene categoricamente SCONSIGLIATO.
.
.
.

426