Aperitivo a Grado
facebook

Cine20_1

Cine20 lo potete leggere tutti i giovedì ed è curata da Matteo “Weltall” Soi dalle pagine del blog weltallsworld.blogspot.com e dal blogger-seriale Kusa direttamente da lavitaenientaltro.wordpress.com. Una coppia inedita disposta a tutto pur di mettere la loro esperienza di cine-blogger e cinefili non professionisti per una rubrica alla portata di tutti, libera e accessibile, che spazia da brevi recensioni fino alle uscite home-video, senza dimenticare le doverose segnalazioni sui film in sala, il tutto corredato da un sistema di valutazione facile ed immediato. Ma non possiamo più trascurare l’importanza delle serie TV alle quali dedichiamo Derive Seriali, una sezione apposita curata da :A:, scrittore, sceneggiatore e nerd impenitente.
Detto questo, andiamo a cominciare.

.

Al cinema e non solo

.

sherlocklabominevolesposaSHERLOCK: L’ABOMINEVOLE SPOSA di Douglas Mackinnon

Sherlock Holmes e il fido Dottor Watson si trovano di fronte al caso di una serie di omicidi apparentemente compiuti dal fantasma di una sposa. Ma la verità va cercata molto più a fondo, e prima della fine del racconto parecchie saranno le sorprese, sia per i protagonisti che per gli spettatori.

Evento speciale presentato eccezionalmente nelle sale in madrepatria per sfruttare la fama nonche’ onorare come merita la serie inglese di culto creata da Mark Gatiss e Steven Moffat per la BBC, che ha  dato notorietà internazionale a Benedict Cumberbatch e Martin Freeman. E che arriva anche nelle  sale italiane  grazie alla lungimiranza di Nexo Digital, a cui andrebbe mossa solo la piccola critica di non aver avuto il coraggio di distribuirlo in lingua originale coi sottotitoli in italiano.

Inutile dire che la qualità del prodotto della serie britannica si presta benissimo ad una trasposizione sul grande schermo, visto che l’impostazione di ogni singolo episodio della serie è, da  sempre,  quella di un vero e proprio lungometraggio,  sia come durata che come qualità tecnica, artistica e come livello di recitazione e sceneggiatura.

Cominciamo subito col dire che L’ Abominevole Sposa e’ sicuramente all’altezza della fama che la creatura di Moffat e Gatiss si e’ guadagnata negli anni. E’ anche pero’  da considerare, nel bene e nel male,  come un prodotto esclusivamente dedicato ai fan della serie. Infatti, malgrado sia stato annunciato  come un episodio a sè stante e completamente slegato dalla storia finora raccontata, si dimostra invece fin dalle prime battute pieno di riferimenti ed allusioni piuttosto espliciti a quel che abbiamo visto nelle precedenti stagioni, nonche’ di golosi indizi e suggerimenti su quello che vedremo nel (mai abbastanza) prossimo futuro.

Qundi da un un lato c’è tutta la soddisfazione del fan, che in quest’ora e mezza puo’ godersi la vista dei suoi beniamini su grande schermo e accumulare con golosa avidità  materiale per tutte le congetture e le ipotesi che manterranno viva l’attenzione fino alla prossima stagione, mentre dall’altro c’è la (contenuta) delusione dello spettatore che vorrebbe un caso più interessante e meglio sviluppato e che soprattutto non fosse un pretesto per parlare d’altro.

Nel mezzo c’è il solito gruppo di splendidi interpreti, che si diverte a giocare un  po’ con i propri personaggi, come ad esempio il godibilissimo Mycroft in versione extra-large di Gatiss, la scorbutica patologa en-travesti di Louise Brealey e la governante Una Stubbs,  arrabbiata per il suo ruolo di puro espediente narrativo della storia.

Su tutti come sempre spicca il terzetto d’attori composto da un sempre affidabile Martin Freeman, il solito istrionico Andrew Scott e un Benedict Cumberbatch visibilmente maturato come attore e come uomo dal suo pur ottimo esordio nei panni di Sherlock. Non a caso i tre sono protagonisti  di una delle sequenza piu’ emozionanti e memorabili dell’episodio, quello alle cascate Reichenbach.

Ma la prossima volta, per favore, proiettatelo in lingua originale coi sottotitoli in italiano (che poi  e’ il modo con cui  la maggior parte dei fan  e’ abituato a vederlo).

GRADIMENTO KUSA 80%

.

Brevemente in sala.

.

lacorrispondenzaLA CORRISPONDENZA di Giuseppe Tornatore.

.
E la rubrica riapre subito con un film del quale poco ci importa, firmato da un regista che non stimo particolarmente. Parliamo di La Corrispondenza di Giuseppe Tornatore, pellicola che si presenta con cast internazionale e per protagonisti Olga Kurylenko e Jeremy Irons. E’ la storia di una donna che vive con il senso di colpa per aver causato la morte dell’amore della sua vita…se non vi basta questo, il trailer vi toglierà anche la gioia di vivere.
ATTESA WELTALL 0%

E su queste note felicissime non mi resta che augurare Buon Anno a tutti i nostri lettori!
ATTESA KUSA 0%

.

creedCREED di Ryan Coogler

.
Che vi piaccia o meno, la lunga saga cinematografica di Rocky Balboa ha fatto la storia del cinema e a consacrato i lsuo autore ed interprete, Sylvester Stallone, in più di un’occasione. Anche adesso, con l’uscita di questo Creed, che sposta le luci della ribalta sulle gesta del figlio di Apollo Creed, il buon Sly è riuscito a strappare un Golden Globe come Miglior Attore non Protagonista intepretando nuovamente il leggendario pugile di Philadelphia. Niente da dire, questo Creed ci incuriosisce un bel po’.
ATTESA WELTALL 70%

Siamo dalle parti del remake/reboot, con il buon vecchio Stallone nei panni del coach della nuova leva, figlio del nemico/amico di un tempo. E pare che come gia’ con Star Wars – Il risveglio della Forza, anche qui il lavoro sia stato fatto con gusto e rispetto per il materiale originale.
ATTESA KUSA 60%

.

daddyshomeDADDY’S HOME di Sean Anders, John Morris

.
Will Farrell e Mark Wahlberg sono i protagonisti di questa commedia americana che vede un padre di famiglia minacciato nella sua posizione di patriarca dall’ex di sua moglie, aitante agente segreto. Se volete un motivo per andare al cinema questa settimana, bé, non cercatelo qui. Il film della coppia Anders/Morris (ma perchè una commedia deve essere girata da due registi?) ci appare trascurabile, magari recuperabile a casa in qualche passaggio televisivo tra un anno o due.
ATTESA WELTALL 0%

Provo una naturale antipatia per Will Farrell, e Mark Wahlberg mi e’ del tutto indifferente. Potete immaginare il mio entusiasmo per una pellicola che li vede entrambi protagonisti.
ATTESA KUSA 0%

.

heidi_deHEIDI di Alain Gsponer

.
Abituati alla classica serie d’animazione che ci accompagna fin da bambini, fa un po’ specie vedee al storia di Heidi con attori in carne e ossa. Chissà se anche in questa occasione le caprette le fanno ciao. Ma ciao proprio, eh!
ATTESA WELTALL 0%

Ma proprio ciao ciao eh!
ATTESA KUSA 0%

.

therevenantREVENANT di Alejandro Gonzales Inarritu

.
Dopo aver sfiorato la statuetta ormai troppe volte, arriva per Di Caprio l’ennesima occasione con Revenant di Inarritu nel quale interpreta l’esploratore Hugh Glass in una lotta per la sua sopravvivenza nelle inesplorate terre del continente americano durante un rigidissimo inverno. In coppia con lui il sempre titanico Tom Hardy. Abbiamo già un candidato per la top ten dell’anno?
ATTESA WELTALL 80%

Tutte le volte si dice che se Di Caprio non prende l’Oscar per questo, non lo prende piu’. E visto che l’acccoppiata con Scorsese non gli ha portato fortuna, ora ci prova con Inarritu, fresco di statuetta per Birdman. Ma francamente la lotta per la sopravvivenza nei ghiacci proprio non mi attira, quindi mi limito al minimo sindacale di interesse.
ATTESA KUSA 60%

.

sherlocklabominevolesposaSHERLOCK – L’ABOMINEVOLE SPOSA di Douglass Mackinnon

.
Dopo lo straordinario successo televisivo, la Nexo Digital pensa bene di portare in sala l’episodio speciale “vittoriano” della fortunata serie Sherlock, ideata da Stephen Moffatt ed intepretata dall’affiatata coppia Benedict Cumberbatch e Martin Freeman, ispirata al celebre perosnaggio di Arthur Conan Doyle. E’ un peccato che non abbiamo pensato ad una proiezione in lingua originale (un delitto doppiare questa serie) ma si apprezza l’iniziativa.
ATTESA WELTALL 80%

Vero, con il doppiaggio si perde la splendida voce E la recitazione di Cumberbatch, Freeman, Scott e tutti gli altri protagonisti, ma d’altronde e’ il prezzo da pagare per raggiungere un pubblico piu’ ampio e per vedere finalmente Benedict sullo schermo cinematografico nei panni del detective che gli ha regalato una notorieta’ internazionale.  Anche se in realta’ e’ un po’ un controsenso, perche’ questo speciale in realta’ e’ inaccessibile ai profani e completamente dedicato ai fan della serie, che avrebbero volentieri sopportato i sottotitoli, visto che la maggior parte di loro sono gia’ abituati a vederlo cosi’, molto prima che arrivi doppiato sui canali televisivi nostrani.
ATTESA KUSA 80%
.
.
.

610